Scuola, piano straordinario assunzioni: il 97,3% degli assegnatari ha accettato la cattedra

30

Sono 47.465 le cattedre assegnate nella fase C del piano straordinario di assunzioni previsto dalla Buona Scuola. Lo scorso 10 novembre 48.794 insegnanti sono stati destinatari di una proposta di contratto a tempo indeterminato e hanno avuto tempo fino alle 15.59 di oggi per accettarla. In 47.465, ha spiegato il ministero dell’Istruzione, hanno detto sì, il 97,3%. In 274 hanno rinunciato esplicitamente, in 1.055 non hanno risposto e, dunque, in base alla legge 107, risultano anch’essi rinunciatari. I neo docenti faranno parte dell’organico del potenziamento che le scuole potranno utilizzare per ampliare l’offerta formativa, potenziare l’inclusione scolastica, contrastare la dispersione, aprire maggiormente gli istituti al territorio. Si tratta di una media di 6/7 insegnanti in più per istituzione scolastica. Una novità introdotta dalla legge di riforma Buona Scuola. Stefania GianniniCon le accettazioni della Fase C – ha commentato il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini facendo gli auguri di buon lavoro a tutti i neoassunti della Buona Scuola – si chiude il Piano straordinario di assunzioni previsto dalla Buona Scuola. Siamo molto soddisfatti della risposta degli insegnanti e del buon funzionamento della macchina amministrativa. Il prossimo passo è quello del nuovo concorso per docenti a cui stiamo lavorando“. Positivo anche il commento del sottosegretario Davide Faraone: “Da oggi istituti hanno 47.465 in più per fare #labuonascuola. Il 97,3% dei docenti ha accettato proposta #FaseC. Avanti tutta!“, ha scritto su Twitter. Critiche sono venute invece dall’associazione sindacale Anief: La metà degli assunti non sono quelli chiesti dalle scuole e 3 neo-assunti su 4 non andranno nella sede indicata. Per Marcello Pacifico (presidente Anief) è “tutta colpa del Governo, che ha fatto scelte sbagliate escludendo gli abilitati delle graduatorie d’Istituto, i maestri d’Infanzia dalla Fase C e ha bloccato i numeri del sostegno“. In Campania su 5.985 proposte, hanno accettato in 5.931 e in 49 hanno rifiutato.