Sepe, intese con il Santobono per la cura dei bimbi poveri. Telecamere sulle culle per il controllo a distanza

70
in foto il cardinale Crescenzio Sepe in visita all'ospedale Santobono

Stamattina nella sala conferenze del Palazzo arcivescovile in Largo Donnaregina, verranno firmati dal cardinale Crescenzio Sepe due intese con l’azienda ospedaliera e la fondazione Santobono “per la cura di bambini e dei giovanissimi” appartenenti a famiglie povere, italiane e straniere. Intervengono il commissario straordinario del Santobono, Anna Maria Minicucci; la presidente della fondazione, Anna Maria Ziccardi; il presidente dell’associazione “Medicina e assistenza sanitaria solidale” e vice presidente delegato della fondazione diocesana “In nome della vita”, Gianmaria Fabrizio Ferrazzano; il direttore della fondazione Santobono, Flavia Matrisciano. Nell’occasione, grazie a un progetto finanziato con fondi dell’annuale asta di beneficenza promossa da Sepe, l’installazione di telecamere sulle culle e sulle incubatrici di neonati per il collegamento video tra l’ area intensiva neonatale del santobono e la famiglia del piccolo paziente, il cardinale Sepe sperimenterà una videochiamata telefonica con un medico del reparto e con una mamma. Questo innovativo sistema, recentemente utilizzato nel caso di una bambina di pochi giorni ricoverata per covid, permette di tenere in contatto costante il reparto ospedaliero e la famiglia interessata che, stando fuori Napoli o fuori regione, non può recarsi tutti i giorni in ospedale e informarsi sulle condizioni di salute del piccolo o della piccola ospedalizzata.