Sette istituzioni culturali italiane insieme per un progetto editoriale sui nuovi saperi scientifici e umanistici

67
In foto la biblioteca dell'Istituto italiano di Studi Storici fondato da Benedetto Croce

Nasce una nuova realtà editoriale per diffondere la conoscenza scientifica e umanistica, con particolare attenzione alle pubblicazioni on-line. Alcune delle principali istituzioni culturali italiane si sono unite in un progetto ambizioso: Scuola Normale Superiore, Fondazione Feltrinelli, Fondazione Gramsci, Istituto Italiano per gli Studi Storici, Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento, Museo Galileo – Istituto e Museo di Storia della Scienza, Fondazione Collegio San Carlo mettono insieme le loro competenze in un progetto editoriale comune. Il progetto si propone di realizzare testi e studi critici originali nei settori di interesse comune, muovendosi lungo le linee più avanzate della ricerca sia umanistica che scientifica. L’attività inizierà con tre collane che raccoglieranno studi, monografie ed edizioni di opere promosse dalle istituzioni nei rispettivi settori di ricerca, sia on line che in forma cartacea. L’attività editoriale sarà governata da un apposito Comitato scientifico composto da esponenti di tutte le istituzioni: il presidente, indicato dal Comitato scientifico e nominato dal Direttore della Scuola Normale, è il professore Michele Ciliberto.
“Si tratta di una novità assoluta nell’ambito dell’editoria europea ed italiana – spiega Ciliberto –. Per la prima volta nel nostro paese, per impulso della Scuola Normale, un gruppo di istituzioni di alto livello con molteplici esperienze e successi nei rispettivi ambiti collabora per un progetto ambizioso: individuare, in un orizzonte interdisciplinare, punti di confronto e di relazione fra cultura umanistica e scientifica, allo scopo di favorire lo sviluppo di un’editoria di alta cultura capace di rivolgersi a un pubblico vasto e di confrontarsi con i problemi attuali e futuri dell’Italia e dell’Europa”. “Il progetto nasce dalla persuasione che oggi sia indispensabile, per potersi affermare nei campi più avanzati della ricerca italiana e internazionale, stabilire sinergie culturali, scientifiche ed editoriali che consentano di unire le forze e di muoversi oltre i vecchi confini”.
Accanto al nome e al logo della nuova struttura, saranno indicati nel frontespizio, con quello della Normale, il nome e il logo dell’istituzione che collabora al progetto e alla realizzazione di ciascuna opera. La responsabilità editoriale, organizzativa, tecnica e amministrativa della nuova struttura è delle Edizioni della Normale. La convenzione è attiva per tre anni.