Settembre, nuovo menù per Galleria Navarra: offerta ridisegnata dallo chef Sorrentino e dal maestro pizzaiolo Civitiello

180
(foto di Aurora Scotto di Minico)

Galleria Navarra, il ristorante, pizzeria, cocktail bar e spazio d’arte in piazza dei Martiri, che ha aperto lo scorso luglio, inaugura settembre con un’offerta culinaria ridisegnata dallo chef Antonio Sorrentino e dal maestro pizzaiolo Davide Civitiello. Un’ode a Napoli, alla sua cucina, ai sapori della memoria e a quelli di oggi.

Saponariello, Pummarulella, Scarpariello sono i piatti che riecheggiano la cucina classica napoletana e che lo chef Antonio Sorrentino ripropone “a modo suo”. Una proposta di passione, rigore e attenzione alla qualità e alla stagionalità delle materie prime: piatti tipici di mare e di terra si alternano con un rimando costante alla cucina napoletana più verace dove non manca la firma contemporanea dello chef. Ad esempio, nello Scarpariello a Modo mio il piatto acquista una verve contemporanea grazie alla crema di burrata e ai datterini semidry. La Caprese 2.0 è un’evoluzione di un classico della cucina partenopea che prevede l’aggiunta del tarallo, dell’acqua di pomodoro, della bufala affumicata e della mayo ai pomodori. Ma il vero piatto icona del nuovo menu di Galleria Navarra è il Saponariello, ispirato a Eduardo De Filippo che era solito frequentare la bottega dell’amico antiquario Salvatore Navarra: si tratta di uno spaghetto semplice con aglio, olio, olive nere, capperi e pangrattato che il cavalier Navarra preparava all’amico quando si fermava per il pranzo, a cui Sorrentino dà il proprio tocco personale.

(foto di Aurora Scotto di Minico)

Napoletana antica, Verace e Picciosa sono invece le pizze in menu pensate e realizzate da Davide Civitiello, maestro pizzaiolo di fama internazionale che per Galleria Navarra propone un menu che esplora diverse tipologie di pizza dalle classiche Marinara e Cosacca alle stagionali come la Neranese con Fiordilatte, zucchine fritte, menta, guanciale e scaglie Auricchio con salame piccante e filetti di papaccelle e finocchietto.

La sua è una pizza fatta seguendo le regole del disciplinare ma con un guizzo contemporaneo che ha permesso di ampliare l’offerta grazie a un focus interessante sulla Margherita, proposta in diverse declinazioni:

Napoletana antica con Pomodoro, filetti pomodoro antico Napoli, fior di latte, acciughe sott’olio, olive nere
Verace: con pomodoro, mozzarella di bufala basilico e olio evo Penisola Sorrentina a fine cottura
Corbarese: pomodorini Corbara mozzarella di bufala, scaglie di pecorino e basilico croccante.
Vesuviana: pomodoro, Piennolo, fior di latte, scaglie pecorino, pepe, olio evo, basilico.
Flegrea: Pomodoro, pomodoro cannellino flegreo e a fine cottura topping di burrata stracciata, tarallo sbriciolato, olio evo e basilico croccante.

(foto di Aurora Scotto di Minico)