Settore corilicolo campano in crisi, il caso al centro di un’azione parlamentare

55

Il parlamentare Angelo Antonio D’Agostino, insieme ad altri colleghi, porta all’attenzione del Governo il caso delle imprese campane del settore corilicolo. Ecco il testo dell’interrogazione.  “Al Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. — Per sapere – premesso che: dai dati recentemente diffusi in occasione del borsino della Fiera delle Castagnole delle Lanze in Piemonte, è emerso che il prezzo delle nocciole è stato fissato a 335 euro a quintale: ben 85 euro in meno rispetto ai 420 dell’anno scorso; pur trattandosi del prezzo di riferimento delle nocciole piemontesi, è comunque indicativo di come rischia di presentarsi l’annata per quanto concerne la remunerazione per gli agricoltori a livello nazionale; il crollo del prezzo delle nocciole rischia di mettere definitivamente in ginocchio il settore corilicolo campano già duramente colpito dalla siccità e dalle gelate di aprile; dalla Campania viene il 41 per cento della produzione del Paese; le organizzazioni dei produttori hanno già manifestato la loro preoccupazione per il calo del prezzo che in detta regione oscilla tra i 220 e i 250 euro a quintale; un dato, questo, decisamente penalizzante, specie per l’Irpinia dove è presente il 77 per cento delle aziende campane; la superficie media per azienda, infatti, risulta particolarmente bassa nelle province di Napoli, Salerno e Avellino, mentre è superiore alla media nazionale in quella di Caserta; in provincia di Caserta, secondo il VI Censimento dell’agricoltura ISTAT, un numero importante di unità supera i 5 ettari, l’11 per cento corrispondente al 47 per cento della superficie provinciale; la coltivazione risulta particolarmente importante nel comune di Teano (primo comune campano per superficie corilicola) ed in quelli di Presenzano, Carinola, Vairano Patenora e Caianello; quest’area ha visto negli ultimi anni un’espansione intensa della coltivazione, che ha sostituito altre specie da frutto, andandosi a collocare in territori in prevalenza pianeggianti, situati spesso tra i 300-700 metri e caratterizzati da disponibilità idrica; a giudizio dell’interrogante, è necessario che il Governo e la regione valutino interventi che vadano nella direzione di un piano strategico di aggregazione della produzione e di un sostegno significativo alla ricerca, in modo da determinare, così come suggerito recentemente dalla Confederazione italiana agricoltori, una maggiore varietà di prodotti tali da renderli più appetibili al mercato –: quali iniziative il Ministro interrogato intenda adottare, anche in sinergia con la regione Campania, per sostenere le aziende campane operanti nel settore corilicolo”.