Sfiducia a De Luca, Mocerino: La credibilità delle istituzioni prima di tutto

21
“Sono e resto un garantista, discutiamo ed argomentiamo la mozione di sfiducia non sulla vicenda giudiziaria ma sul punto istituzionale, sul nodo politico”. Così in consigliere regionale Carmine Mocerino, presidente del Gruppo Caldoro in Campania, durante la discussione della mozione di sfiducia al presidente Vincenzo De Luca presentata da FI e FdI. “La credibilità delle Istituzioni – aggiunge -, il rispetto per le regole democratiche vengono prima di ogni cosa. Vincenzo De Luca ha tradito la fiducia dei cittadini. Ha gestito la vicenda, quella del procedimento sul suo capo segreteria, con troppa superficialità. Ricordiamo tutti il comunicato del 9 novembre. Lei – precisa in aula – aveva il dovere di venire qui, portarci il primo comunicato stampa diramato dagli Uffici di Santa Lucia dopo le dimissioni di Mastursi, il suo capo segreteria, e dire: Scusate abbiamo sbagliato. Raccontare la verità è un dovere, chiedere scusa avrebbe rappresentato un ottimo segnale”. Carmine Mocerino invita De Luca ad avere più rispetto delle commissioni consiliari e del lavoro del Consiglio “nelle commissioni competenti le avevamo chiesto chiarimenti, lei non partecipa alle sedute, non ha inteso partecipare una volta alle convocazioni della collega Ciarambino. Non manda la documentazione necessaria, non lo fa fare agli uffici. Bisogna governare e bene questa regione. Che noi abbiamo rimesso in sesto e che ha ancora tante difficoltà. Si parta, davvero e senza illusioni. Non ci racconti un modo che non c’è. Non illuda imprese famiglie e giovani. Carlo Collodi, che inventò Pinocchio, diceva “non ti fidare ragazzo mio di quelli che promettono di farti ricco dalla mattina alla sera. Per il solito o sono matti o sono imbroglioni, in questa Aula né matti né imbroglioni ed allora tutti al lavoro”.