Sgravi per le start up e 13 zone franche Napoli guarda ad Est

31

La Serbia come snodo logistico per investimenti sui mercati dell’est a cominciare dalla Russia. Un’opportunità per le imprese di Napoli, protagoniste, giovedì scorso, di un incontro tra La Serbia come snodo logistico per investimenti sui mercati dell’est a cominciare dalla Russia. Un’opportunità per le imprese di Napoli, protagoniste, giovedì scorso, di un incontro tra i rappresentanti di quattro municipalità serbe – Beo?in, Leskovac, Niš, Novi Sad e Vranje – e i rappresentanti dell’Unione industriali di Napoli. organizzatori dell’evento, che si è tenuto presso la sede dei Dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli guidati da Vincenzo Moretta, Carlo Palmieri, presidente della sezione Moda dell’Unione industriali di Napoli, e amministratore delegato del Gruppo carpisa-Yamamay, e Domenico Menniti, vice presidente all’internazionalizzazione degli industriali partenopei. “Abbiamo messo insieme una rappresentanza di 4 municipalità, di confindustria serba e di Usaid, la struttura nata per finanziare lo sviluppo economico post-bellico. Sono state illustrate alle imprese le opportunità di punta per investimenti sui mervcati dell’est. In Russia già operano molte aziende italiane, dalla Geox a Calzedonia, dalla Fiat a Magneti Marelli. Ma sia chiaro: non vogliamo invitare le aziende a delocalizzare le proprie attività – aggiunge Palmieri – ma soltanto ad utilizzare la Serbia come snodo logistico per completare attività in loco magari già avviate”. I vantaggi del resto sono notevoli, soprattutto dal punto di vista fiscale, aggiunge Palmieri: basti solo pensare che ci sono ben 13 zone franche e il Paese prevede agevolazioni per la fase di start up che possono arrivare fino al 15 per cento delle imposte. Hanno partecipato all’evento e ai successivi incontri b2b, tra gli altri, Erich Cossutta, numero uno di confindustria Serbia, Dušan Kulka, esperto per investimenti diretti esteri all’interno del progetto “sviluppo locale sostenibile” dell’ Usaid, Olivera Kova?evi?, Vojvodina investment Promotion – adviser per gli investimenti diretti esteri, Jovan Mutavdži?, direttore “2b logistics”, Tatjana Pavlovi? – Križani?, Team leader per la riforma della pubblica amministrazione di Usaid.