Si schianta un pullman Erasmus in Catalogna: morte 13 studentesse, 7 italiane

44

Sono italiane 7 delle 13 vittime del tragico incidente stradale avvenuto ieri in Catalogna, che ha coinvolto un autobus con a bordo 57 studenti Erasmus assegnati a Barcellona, di 22 nazionalità diverse.

Nella notte all’ospedale di Tarragona (Spagna), per le gravi ferite riportate nell’incidente del pullman di ieri, è morta la studentessa toscana Elena Maestrini. Lo si apprende dal sindaco di Gavorrano (Grosseto), Elisabetta Iacomelli, che lo ha saputo dalla famiglia.

Serena Saracino, una delle studentesse torinesi coinvolte nell’incidente di Tarragona, e’ morta. Lo conferma il padre, Alessandro, contattato telefonicamente dall’ANSA. “E’ morta… mia figlia è morta…”, sono le parole pronunciate dall’uomo, che si trova da ieri sera in Spagna.

L’autista dell’autobus è indagato per omicidi plurimi per ‘imprudenza’, secondo il codice spagnolo, riferisce il quotidiano catalano La Vanguardia. L’uomo, 63 anni, è stato rimesso in liberta la notte scorsa dopo essere stato interrogato a lungo dalla polizia regionale catalana.

Le vittime – Le autorità spagnole hanno confermato che le vittime italiane dello schianto del bus in Catalogna sono sette. E’ stato il ministro dell’interno catalano Jordi Jané, secondo quanto riferisce el Pais, a fornire le nazionalità di tutte le ragazze morte. Ci sono anche due tedesche, una romena, una uzbeka, una francese e una austriaca.

Una delle studentesse italiane morte nell’incidente del bus si chiama Valentina Gallo. La famiglia della giovane è già sul posto.

Cordoglio di Renzi e del ministro Giannini. La Farnesina sta seguendo l’identificazione delle salme, non ancora completata. In Catalogna due giorni di lutto, oggi e domani.

Lo schianto del bus in Catalogna – Leggi

I primi soccorsi – Le FOTO

La Farnesina invita le famiglie dei connazionali a contattare l’Unità di Crisi al numero 06.36225.

Barcellona ha decretato due giorni di lutto 

Renzi “Ho il cuore spezzato” 

Sono italiane 7 delle 13 vittime del tragico incidente stradale avvenuto ieri in Catalogna, che ha coinvolto un autobus con a bordo 57 studenti Erasmus assegnati a Barcellona, di 22 nazionalità diverse.

Nella notte all’ospedale di Tarragona (Spagna), per le gravi ferite riportate nell’incidente del pullman di ieri, è morta la studentessa toscana Elena Maestrini. Lo si apprende dal sindaco di Gavorrano (Grosseto), Elisabetta Iacomelli, che lo ha saputo dalla famiglia.

Serena Saracino, una delle studentesse torinesi coinvolte nell’incidente di Tarragona, e’ morta. Lo conferma il padre, Alessandro, contattato telefonicamente dall’ANSA. “E’ morta… mia figlia è morta…”, sono le parole pronunciate dall’uomo, che si trova da ieri sera in Spagna.

L’autista dell’autobus è indagato per omicidi plurimi per ‘imprudenza’, secondo il codice spagnolo, riferisce il quotidiano catalano La Vanguardia. L’uomo, 63 anni, è stato rimesso in liberta la notte scorsa dopo essere stato interrogato a lungo dalla polizia regionale catalana.

Le vittime – Le autorità spagnole hanno confermato che le vittime italiane dello schianto del bus in Catalogna sono sette. E’ stato il ministro dell’interno catalano Jordi Jané, secondo quanto riferisce el Pais, a fornire le nazionalità di tutte le ragazze morte. Ci sono anche due tedesche, una romena, una uzbeka, una francese e una austriaca.

Una delle studentesse italiane morte nell’incidente del bus si chiama Valentina Gallo. La famiglia della giovane è già sul posto.

Cordoglio di Renzi e del ministro Giannini. La Farnesina sta seguendo l’identificazione delle salme, non ancora completata. In Catalogna due giorni di lutto, oggi e domani.

Lo schianto del bus in Catalogna – Leggi

I primi soccorsi – Le FOTO

La Farnesina invita le famiglie dei connazionali a contattare l’Unità di Crisi al numero 06.36225.

Barcellona ha decretato due giorni di lutto 

Renzi “Ho il cuore spezzato”