Sicurezza sulle strade, prestito Bei da 133 milioni: al Sud il 40% delle risorse

69

Il ministero delle Finanze, attraverso il direttore generale del dipartimento del Tesoro, Vincenzo La Via, e il vicepresidente della Bei Dario Scannapieco firmano un accordo per finanziare il piano triennale di ammodernamento della rete stradale italiana. Il valore del prestito è pari a 133 milioni di euro, prima tranche di un finanziamento complessivo fino a 300 milioni. L’operazione è analoga a quella perfezionata a inizio anno tra Bei, ministero e Ferrovie dello Stato per interventi sulla rete ferroviaria. Il Tesoro, destinatario del finanziamento, avrà un risparmio significativo nella spesa per interessi, mentre l’Anas impiegherà le risorse nella realizzazione del piano di investimenti previsto dal contratto di progetto sottoscritto contestualmente con la Bei.Gli investimenti saranno effettuati su circa 170 strade e superstrade gestite dall’Anas, per un totale complessivo di 5.800 chilometri, localizzate in tutte le Regioni italiane. Quasi il 40 èper cento degli investimenti è destinato all’Italia meridionale e insulare.