Sicurezza, affare da 5 miliardi. Il Settore cresciuto dell’8% in 5 anni. Napoli terza per numero di imprese

18

La sicurezza in Italia è un business da 5 miliardi di euro, di cui oltre un terzo (1,5 miliardi) in Lombardia e 700 milioni a Milano. Porte blindate, casseforti, sistemi di allarme e vigilanza: secondo un’elaborazione della Camera di Commercio di Milano, Monza e Lodi sono 9.502 le imprese di questo settore a livello nazionale, 1.854 in Lombardia. La maggior concentrazione di “imprese della sicurezza” si registra a Roma con 852 attività, specializzata soprattutto in fabbricazione di casseforti e porte blindate e vigilanza, +22% in cinque anni, poi Milano con 779 attività, che è prima per giro d’affari, che si distingue per installazione e manutenzione di impianti elettronici, casseforti e porte blindate (con un aumento del +3% annuo e del 18% nel quinquennio). Vengono poi Napoli con 454 imprese e Torino con 390 imprese. I titolari di servizi di vigilanza ed investigazione sono in prevalenza uomini mentre sono giovani in oltre un caso su venti. Circa la metà sono gli artigiani. “L’artigianato – ha spiegato Marco Accornero, membro di giunta della Camera di commercio – è centrale nelle imprese del settore sicurezza, oltre a rappresentare circa la metà delle aziende dedicate. Sono impegnati soprattutto nell’installazione dei dispositivi, sempre più innovativi e aggiornati. Si tratta di circa mille imprese artigiane in Lombardia su quattromila in Italia, di cui circa 350 a Milano e circa 500 tra Milano, Monza Brianza e Lodi. Dei diecimila addetti italiani nel settore, duemila sono in Lombardia e oltre seicento a Milano”