Simest, in 6 mesi 90 operazioni a sostegno dell’export per un valore di 203 milioni di euro (+77%)

61
in foto: simest, sede centrale del gruppo Cdp: la targa

Simest comunica che nel corso del primo semestre del 2024 sono state realizzate circa 90 operazioni di supporto alle esportazioni (“Contributo Export Credito Fornitore”) per un valore di 203 milioni, in forte crescita rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (+77% rispetto al primo semestre 2023 quando le operazioni sono state 60 per circa 114 milioni). Il numero delle imprese esportatrici servite è aumentato del 33% rispetto all’analogo periodo del 2023 e, di queste, circa il 45% sono nuove imprese clienti. Questi importanti risultati confermano il ruolo chiave svolto da Simest a sostegno della crescita delle esportazioni di beni strumentali Made in Italy sui mercati internazionali. Fra le principali aree di destinazione delle forniture figura al primo posto l’America Latina con Brasile, Messico, Colombia, Perù e Cile, seguita da India e Bangladesh che cubano circa l’11%.

Gli Stati Uniti d’America continuano ad avere un peso rilevante quale mercato di sbocco delle merci italiane con il 10% delle operazioni approvate. Ben rappresentati anche i paesi dell’Unione Europea (9%), gli Emirati Arabi Uniti (9%) e la Turchia (7%). I principali settori merceologici trainanti dei primi sei mesi del 2024 sono: trasporti, macchinari tessili, macchinari per l’industria alimentare, impianti per l’industria chimica, macchinari per la lavorazione del legno, della plastica, della ceramica e dei metalli; macchinari per il packaging; casseforme per l’edilizia.

Il sostegno di Simest è avvenuto su operazioni di Credito fornitore attraverso il “Contributo Export”, strumento gestito in convenzione con il ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Si tratta di un contributo in conto interessi, a fondo perduto e totalmente gratuito, destinato alla parziale o totale riduzione del costo dello smobilizzo di titoli di pagamento emessi dall’acquirente estero a fronte dei contratti di vendita.

Fra le aziende che nel primo semestre 2024 Simest ha accompagnato sui mercati internazionali ci sono: Amut in Guatemala; Andreotti Impianti; Argotractors in Austria, Francia e Turchia; Ballestra in Colombia, Panama e Repubblica Democratica del Congo; Bertuzzi Food Processing in Messico; Faresin Formwork in Bulgaria; HP Handling in Bangladesh; IMAGRO in Brasile, Imal in Lettonia; Bonfiglioli in Arabia Saudita, Itema in Brasile, Indonesia e Messico, Magel in Perù, Makor in Spagna, Officine di Cartigliano in India e Nuova Zelanda, Pulsar Industry negli Stati Uniti d’America e Sacmi Imola in Brasile.imp