Simulazioni per l’aerospazio protagoniste al Distretto Aerospaziale della Campania

39

Giovedì 3 dicembre, a partire dalle ore 9,30, presso la sede del Centro Italiano per la Ricerca Aerospaziale- Cira a Capua, si terrà il seminario di formazione dedicato alla simulazione in ambito aerospaziale.


L’iniziativa è organizzata dal Dac – Distretto Tecnologico Aerospaziale della Campania, in collaborazione con la Fondazione per la Ricerca sulla Migrazione e Integrazione delle Tecnologie (Formit), il Cira, Sixtema e Msc Software ed è collegata alle attività del progetto Simulab (Laboratorio di Simulazione per lo sviluppo di Programmi Aeronautici) del Dac.


In particolare, il seminario, indirizzato ai direttori tecnici e ai loro collaboratori, si concentrerà sull’utilizzo del software Msc Apex, una piattaforma pensata per limitare i tempi di creazione e aggiornamento dei modelli virtuali, che consente agli ingegneri di ottimizzare il prodotto e migliorarne le prestazioni attraverso un unico ambiente di simulazione facile da usare e da imparare. Questo software, infatti, utilizza una nuova tecnologia che riduce di molte ore i tempi di elaborazione delle simulazioni, attraverso due parti strettamente integrate tra loro:


‒ MSC Apex Modeler è la soluzione di modellazione e creazione di mesh specifica per il CAE che velocizza il processo di pulitura, semplificazione e meshatura di un modello CAD.

‒ MSC Apex Structures è un add-on a MSC Apex Modeler che trasforma MSC Apex in una soluzione per il calcolo strutturale completamente integrata e generativa.


“La giornata dedicata al training MSC Apex – commenta Luigi Carrino, Presidente del Dac e del Cira – testimonia l’impegno che il Distretto dedica al settore della formazione. Il mondo dell’innovazione è in continuo fermento e solo l’acquisizione di nuovi strumenti di conoscenza può consentire di stare al passo con lo sviluppo delle tecnologie. Competenze sempre più elevate e aggiornate giocano, infatti, un ruolo decisivo per la competitività delle nostre imprese e la qualità del lavoro”.