Sine Sole Sileo, a Monte di Procida torna la danza dal vivo con Antonio Colandrea

86
in foto Antonio Colandrea

di Massimiliano Craus

“Sine Sole Sileo” è il titolo del nuovo spettacolo che si terrà nei Campi Flegrei a Monte di Procida domani 1° agosto alle 21.30 nella località della marina di Acquamorta. Quale incipit migliore per tornare a vedere la danza dal vivo al tempo del covid? Nonostante le riduzione delle restrizione Tersicore è ancora oscurata nell’ambito dello spettacolo dal vivo ma a Monte di Procida si ha molto coraggio e ci si affida al beneaugurante sole. L’idea dello spettacolo “Sine Sole Sileo” (Senza sole taccio) è di Antonio Colandrea, già allievo della Scuola di Ballo del Teatro di San Carlo di Napoli e ballerino professionista del Maggio Musicale Fiorentino. Lo spettacolo voluto fortemente dalla direzione artistica e dallo stesso coreografo rientra nell’ambito della rassegna “Musica e Arte nella Terra del Mito”, la cui direzione artistica è di Fiorenza Calogero, con la partecipazione dei danzatori di Human Bodies e Art Garage, diretta da Emma Cianci. Antonio Colandrea ha più volte dichiarato di immaginare “Sine Sole Sileo” come un abbraccio alla sua terra, quella che ha amato con nostalgia nei numerosi anni della carriera internazionale, soprattutto in questo periodo in cui si sono perse tutte d’un tratto le certezze e le consuetudini.
Il titolo è dunque la valorizzazione delle infinite capacità del sole e della luce, come suggerisce il titolo della coreografia, ma anche del buio a cui il sole non può che fare da contraltare. Qui la voce recitante di Clotilde del Vaglio è accompagnata fedelmente dai suoni, dalla musica e dalle percussioni di Luca Valenziano, artista quanto mai unico nel suo genere, capace di realizzare suoni unici e speciali, ricavati anche dalle cozze che agita strabiliando artisti, pubblico e critica, o soffiando in particolari tubi metallici e ricavandone una melodia eterogenea. Oltre a loro, Antonio Colandrea per domani sera ha riunito a sé nella splendida cornice dell’Acquamorta le soliste Maria Anzivino e Marcella Martusciello, con i danzatori di Human Bodies ed Art Garage, eclettica compagnia diretta da Emma Cianchi, coadiuvati in scena dal tenore Raimondo Ponticelli (ex collega di Antonio Colandrea proprio al Maggio Musicale Fiorentino). “Sine Sole Sileo” è anche l’occasione per ascoltare dal vivo la voce e la chitarra del cantautore Osvaldo di Dio, che ha collaborato per anni con Battiato, De André, Ramazzotti e tanti altri artisti di fama. La cornice più preziosa della danza sarà dunque la musica appannaggio dei grandi classici dell’eterna canzone napoletana, dal Seicento ai tempi nostri, con la consulenza musicale di Antonio Colandrea, uno dei coreografi più sensibili del patromonio musicale come riconosciuto dai suoi colleghi e dalla critica in tutti questi anni. Ne valga ad esempio l’ultimo lavoro rappresento in scena lo scorso Natale per conto di Campania Arte Danza nella sua nuovissima versione del “Lo Schiaccianoci” di Piotr Ilich Ciaikovskij. “Con l’occasione di questa conferenza stampa a distanza voglio ricordare in scena i miei due ex allievi Eleonora e Francesco Scotto di Perta – ci spiega il coreografo montese – di cui sono orgoglioso e che vedo danzare con successo nelle rispettive scuole del Teatro dell’Opera di Roma e del Teatro di San Carlo di Napoli. Per la messinscena di questo spettacolo di questo infuocato primo agosto all’Acquamorta di Monte di Procida ringrazio di cuore il sindaco Giuseppe Pugliese, la vicesindaco Teresa Coppola, l’assessore Dina Stella e tutta l’amministrazione comunale, nonché la stimatissima Fiorenza Calogero, direttore artistico di tutta la rassegna “Musica e Arte nella Terra del Mito” per aver inserito la mia creazione nella sua programmazione. Affidiamoci tutti al sole, altrimenti è meglio tacere!”