Singapore, il premio Genio Vagante a Erik Cambria per i suoi studi sull’intelligenza artificiale

26

In occasione della sua visita a Singapore Giordano Bruno Guerri, presidente e direttore della Fondazione Vittoriale degli Italiani, la casa di Gabriele d’Annunzio, ha annunciato che il prestigioso premio Genio Vagante 2023 verrà assegnato a Erik Cambria, ricercatore italiano presso la Nanyang Technological University (NTU) di Singapore.

L’annuncio è avvenuto nel corso di un seminario svoltosi presso l’Ambasciata d’Italia a Singapore, sullo studio della relazione tra linguaggio e sentimento, partendo in questo caso dagli scambi epistolari di Gabriele d’Annunzio e giungendo a quelli attuali, su siti online e social media. “Un museo non può essere soltanto un luogo di conservazione” ha dichiarato Giordano Bruno Guerri, “deve essere anche un motore di sviluppo culturale. Cultura e pure nuove tecnologie cui il Vittoriale si sta applicando, per esempio con la recente mappatura in 3D degli interni. Questo è il volto antico e nuovo dell’Italia che portiamo in Asia”.

Il premio Genio Vagante, raffigurato da una scultura realizzata dal maestro Ugo Riva, è stato istituito dalla Fondazione Il Vittoriale degli Italiani come riconoscimento per gli scienziati che portano scienza e cultura italiane nel mondo, e quindi rappresentano la creatività, la professionalità ma anche la capacità formativa dell’Italia. Il premio è alla sua quarta edizione ed era stato assegnato in precedenza a tre illustri scienziati per le loro attività di ricerca in Nord-America. “Per la prima volta” ha detto l’Ambasciatore italiano a Singapore Mario Vattani “il premio prende la strada dell’Oriente, come un segno dell’evoluzione negli equilibri globali anche nel campo della ricerca scientifica e della tecnologia. In particolare Singapore sta sempre di più assumendo un ruolo guida nel settore S&T grazie anche alla presenza numerosa e molto qualificata di ricercatori italiani, di cui non possiamo che andare orgogliosi”.

Durante il suo dialogo con Giordano Bruno Guerri, il Prof. Cambria ha mostrato come il recente utilizzo dell’Intelligenza artificiale ne rende possibile una interpretazione emotiva efficace che può essere utilizzata in ambiti più svariati dal marketing, alla politica e alla finanza. Erik Cambria è Professore Associato presso la Nanyang Technological University di Singapore dove ricopre anche la carica di Provost’s Chair in Computer Science and Engineering. E’ il fondatore di SenticNet, una società che offre servizi di analisi del sentimento B2B. Prima di entrare in NTU, ha lavorato presso Microsoft Research Asia (Pechino) e HP Labs India (Bangalore) e ha conseguito il dottorato di ricerca attraverso un programma congiunto tra l’Università di Stirling e il MIT Media Lab, dopo la laurea all’Università di Genova.

La sua ricerca si concentra sull’ Intelligenza Artificiale (IA) neuro-simbolica per l’elaborazione spiegabile del linguaggio naturale in domini come l’analisi dei sentimenti, i sistemi di dialogo e le previsioni finanziarie. Ha già ricevuto altri premi, ad esempio l’IEEE Outstanding Career Award. E’ stato elencato tra le 10 persone da seguire con attenzione nel campo dell’IA ed è apparso su Forbes come una delle 5 persone che costruiscono il nostro futuro dell’IA. E’ stato correlatore del primo studente laureato magistrale in Italia in Intelligenza Artificiale.