Sippic, stop invernale per la Funicolare di Capri

55

A partire da lunedì 8 gennaio andrà a riposo fino a marzo ilvagoncino rosso che da oltre un secolo unisce il centro di Capri e la Piazzetta con Marina Grande e il Porto. L’amministratore avvocato Anna La Rana ha scelto di chiudere di lunedì con un orario comodo e non con l’ultima corsa della domenica per dar modo ai turisti di godere di un’altra giornata di vacanza e contemporaneamente portare benefici all’economia isolana, obiettivo sempre portato avanti dall’Amministratore. Dopo il tran tran della stagione turistica che anche quest’anno ha visto salire a bordo del particolare mezzo di trasporto migliaia di passeggeri, turisti e isolani, permettendo di raggiungere le due stazioni in pochi minuti, la storica Funicolare di Capri si godrà il suo meritato riposo. A darne l’annuncio è stato il direttore di esercizio Ing. Pasquale Santoro, che ha comunicato che il periodo previsto di interruzione dell’esercizio sarà di circa 60/70 giorni per consentire i lavori che quest’anno saranno particolarmente impegnativi ed ha informato anche che in concomitanza con la chiusura dell’impianto, andrà in vigore il servizio sostitutivo a mezzo autobus con partenze da Marina Grande dal piazzale antistante la stazione inferiore e dallo stazionamento dei bus di Piazza Ungheria. “Dopo l’abbattimento delle barriere architettoniche – dichiara l’avvocato Anna La Rana – per agevolare i disagi ai passeggeri con disabilità motorie, ultimate all’inizio della riapertura della Funicolare del 2017 ed il restyling delle due stazioni, quella inferiore di Marina Grande e superiore della Piazzetta, inizierà quest’anno 2018 il progetto per una mobilità sostenibile che la Società realizzerà come prima fase progettuale attraverso la sostituzione dei vecchi motori con altri di ultima generazione predisposti ad alimentare energia rinnovabile con risparmio energetico. La fase successiva del progetto che potrà aver inizio solo dopo aver ottenuto le necessarie autorizzazioni dagli enti preposti, prevede l’utilizzo effettivo delle nuove tecnologie mirate all’attuazione del risparmio energetico, attraverso una serie di soluzioni che consentiranno all’equipaggiamento elettrico della funicolare di essere interconnesso con un impianto fotovoltaico dimensionato opportunamente per alimentare in modo autonomo il modulo batteria per l’energy storage.Il progetto da realizzare prevede l’alimentazione ad energia pulita e rinnovabile attraverso un notevole impegno finanziario dell’azienda. Gli investimenti saranno notevolmente superiori a quelli che sarebbero stati necessari per la semplice sostituzione dei due motori, interventi utili radicali – continua la l’avvocato La Rana – che andranno a vantaggio della mobilità dei passeggeri e aumenteranno la sicurezza e la continuità del servizio. Ovviamente ribabisco, che la successiva fase del progetto, in conformità delle direttive europee tese alla maggiore utilizzazione dell’energia rinnovabile, potrà essere realizzata solo dopo aver ottenuto le necessarie autorizzazioni”. All’inizio della primavera prossima dunque la ringiovanita funicolare riprenderà il suo tran tran quotidiano attraversando quel percorso nel verde che unisce il mare con le bellezze naturali dell’isola.

In foto la presidente di Sippic, Anna La Rana (al centro)