Sirm acquisce la Marine Electronics: di nuovo insieme le due creature di Guglielmo Marconi

130
Tornano insieme due storiche realtà fondate da Guglielmo Marconi. Si tratta della Sirm e della Marine Electronics. La Società Italiana Radio Marittima fondata dal Premio Nobel nel 1927, ha perfezionato infatti l’acquisizione del ramo d’azienda Marine Electronics di Leonardo-Finmeccanica, uno tra i primi dieci global players nei settori dell’aerospazio, difesa e sicurezza e principale gruppo industriale italiano. 
Quest’ultima trova le sue origini nella fondazione della Marconi International Maritime Communication LTD da parte del Premio Nobel nel 1900 ed è entrata a far parte nel 2002 della galassia Finmeccanica con l’incorporazione in Selex Communication. Sirm si rafforza così a livello internazionale nel settore della fornitura di sistemi di navigazione e telecomunicazione e nei servizi satellitari per il mercato marittimo. Un settore, quest’ultimo, ad alto potenziale di crescita in cui è previsto anche a un piano di investimenti triennale per lo sviluppo del mercato internazionale.
La Marine Electronics, 14 uffici nei principali porti britannici e una rete di oltre 60 tecnici di supporto, porta in dote un pacchetto clienti composto da oltre 2.000 aziende, con un fatturato di circa 12 milioni di sterline nel mercato internazionale, di cui il 20% delle vendite di apparati e il 45% dei servizi satellitari provengono da clienti non britannici. E darà a Sirm la possibilità di creare un gruppo leader a livello europeo nella fornitura, per le navi mercantili, da pesca e da diporto, di apparati per la navigazione, sicurezza e telecomunicazione e nel campo dei servizi satellitari broadband, con un fatturato aggregato di circa 30 milioni di euro. Il ramo d’azienda sarà gestito, in logica di continuità di business, dal branch office Sirm Uk e si avvierà un processo di integrazione con la struttura italiana per perseguire sinergie operative e integrazione dell’offerta.
«Siamo particolarmente soddisfatti di aver finalizzato l’acquisizione del ramo d’azienda da Leonardo”, ha commentato Luca De Cesare, amministratore delegato di Sirm. “L’integrazione di queste attività all’interno della Sirm ci permetterà di entrare rapidamente in un mercato strategico come quello inglese e di pianificare la successiva espansione in altri mercati europei ed extra-europei. Questa operazione rientra appieno nelle linee guida del nostro piano industriale, con l’opzione di crescita anche per acquisizione di realtà consolidate su specifici mercati e con capacità di offerta integrabile in quella di Sirm, rendendola ancora più distintiva”.
“Questa operazione oltre al valore di business ha un enorme significato simbolico” ha dichiarato Pietro Altieri, presidente e azionista di riferimento di Sirm “L’acquisizione del ramo d’azienda in Inghilterra porta ad unire due realtà, entrambe fondate da Marconi, che fin dall’invenzione della radio, oltre 100 anni fa, hanno rappresentato il punto di riferimento tecnologico per il mercato. Questa operazione ha anche un valore positivo per Napoli e per il Sud, dimostrando tutta la vitalità e la resistenza dell’imprenditoria privata meridionale”.
L’operazione è stata gestita dalla direzione Sirm con il supporto in qualità di advisor dello Studio Legale, Tributario & Societario AvvocatoGaeta per Sirm e di Shoosmiths Llp per Leonardo.