Situazione legislativa/normativa del gioco online in Italia

50

In Italia, da ormai tanto tempo il gioco online è regolato da molte normative che hanno preso carattere regionale ma anche nazionale. Il piano esistente che vige nel paese si basa su leggi focalizzate sull’utilizzo e la promozione del gioco d’azzardo, online e non. Queste norme solitamente prevedono dei divieti, dei suggerimenti e dei controlli mirati a contrastare il gioco patologico e lo sviluppo della dipendenza.

La normativa italiana

Il decreto “Balduzzi”, attivo dal 2012, è una legge che ha fatto scuola in quanto ha per la prima volta dato grande importanza ai livelli di assistenza per cure e riabilitazione per chi soffre del ben noto problema della ludopatia. Oltre al piano assistenzialistico, la normativa italiana si basa anche sulla prevenzione e, a livello nazionale, su una regolamentazione che contiene linee guida importanti per ridurre i rischi di dipendenza e migliorare l’esperienza di gioco in sicurezza. Oltre alla parte burocratica, è stato istituito un Osservatorio per analizzare e studiare quali siano le misure più adatte per regolamentare al meglio questo settore e attribuire sicurezza al gioco d’azzardo, sia a livello digitale che fisico. Tutto ciò è stato pensato per proteggere le persone ma anche per rendere i casino online sicuri. Le norme infatti non riguardano solo le sale fisiche ma anche le numerose piattaforme online. In Italia infatti questo comparto annovera già un grande numero di utenti e il trend di crescita mostra numeri molto rilevanti.

Nel nostro paese per operare in questo settore è necessario possedere la licenza AAMS, una certificazione rilasciata  dall’Agenzia delle dogane a seguito dei controlli di rito sulla regolarità dell’attività. La licenza AAMS attesta che il sito è legale e sicuro, sia per le transazioni che per il gioco stesso e serve a proteggere tutti i dati sensibili che vengono forniti durante l’iscrizione tramite sistemi di criptazione piuttosto avanzati. In questo modo il giocatore ha la garanzia di essere protetto e può usufruire di queste piattaforme di gioco online in tutta sicurezza e tranquillità. Questa normativa va inoltre a promuovere l’aiuto nel settore ed un gioco sempre responsabile limitando così i potenziali rischi di ricaduta con budget massimi e limiti di tempo.

L’organizzazione a livello regionale

Il piano di sicurezza che vige in Italia non viene gestito solamente dal Ministero centrale ma anche le regioni sono impegnate nella regolamentazione e nella lotta alle dipendenze. In materia legislativa le regioni istituiscono degli enti per analizzare e promuovere azioni focalizzate a combattere lo sviluppo del gioco patologico e si prodigano anche per offrire supporto a coloro che cadono vittima di ludopatia (sebbene spesso questo fenomeno serpeggi in modo nascosto). A tal proposito, vengono selezionati luoghi ad hoc, come scuole o chiese, dove potersi riunire e discutere di queste problematiche. Un buon esempio in questo senso è quello del Piemonte, che nel 2016 ha approvato una legge contro il gioco d’azzardo patologico con divulgazione di come utilizzare in maniera responsabile il proprio denaro e come giocare in maniera responsabile.

Sono tante le norme atte a limitare gli orari di gioco sia alle slot (dunque nei luoghi fisici) che sui siti autorizzati. Anche il divieto della pubblicità del gioco d’azzardo è stata una mossa fondamentale nella regolamentarizzazione del settore, così come la lotta serrata alla ludopatia. I soldi stanziati per regolamentare e gestire adeguatamente questo settore – soprattutto nel contrasto alla ludopatia – sono davvero tanti, si parla addirittura solo di 3 milioni per un progetto regionale da parte del Ministero della Salute. Gli enti pubblici in Italia si prodigano con forza nel sostenere la lotta a questa patologia, a supportare le Asl e i volontari e a continuare a lavorare per migliorare la legislazione vigente.

Una situazione abbastanza sicura

In Italia, dunque, il gioco online è abbastanza controllato. Naturalmente, come in ogni settore,  si potrebbe fare ancora di più e le regole potrebbero essere ancora più stringenti, tuttavia è importante sottolineare che il nostro paese è riuscito a strutturare un ambiente di gioco in grado di coniugare sicurezza e giocabilità.