Slow Food premia i migliori extravergine d’Italia: 9 sono campani

445
Sette aziende campane, produttrici in totale di nove diverse etichette di olio extravergine di oliva, sono inserite nell’elenco di Slow Food dei migliori oli italiani. Si tratta di Torretta (con le etichette Diesis e Teti), Fam (Dop Irpinia Colline dell’Ufita e Ravece), Fattoria D’Ambrosio (Idra), Terre di Molinara (Elaios), Fontana Madonna (Regio), Terre A Oriente (Cuore d’ortice), Antico Podere Matesino (Tonda del Matese). A 20 anni dalla prima edizione, torna così la Guida agli Extravergini a cura di Slow Food Italia. In occasione di Frantoi in festa, organizzato in collaborazione con Fico Eataly World a Bologna, saranno infatti svelati in anteprima tutti i riconoscimenti della pubblicazione, disponibile da fine aprile. La Guida è il frutto di un lavoro collettivo di numerosi esperti e appassionati che hanno scandagliato ogni angolo della nostra Italia per tracciare una mappa della migliore produzione olivicola 2018. L’obiettivo di Slow Food Italia con questa guida è aiutare il consumatore nella scelta dell’olio migliore davanti agli scaffali del supermercato o della bottega sotto casa. Le aziende premiate dalla guida saranno presenti, insieme ad alcuni frantoiani, in un mercato speciale allestito a Fico Eataly World dove è possibile anche partecipare alle degustazioni didattiche dell’Oil bar per muovere i primi passi nell’assaggio delle varietà tipiche di alcune zone d’Italia. In particolare domenica 17 alle 11 presso la sala Fondazione Fico, si svolgerà la presentazione della Guida agli Extravergini 2019 con la premiazione dei migliori oli recensiti, oltre 120 nonostante una difficile annata in molte regioni. Segno di un settore molto attento e professionale che rimane uno dei fiori all’occhiello del Made in Italy.