Smau Bologna, in campo cinque start-up campane

122
In foto un'immagine dell'edizione 2017

di Paola Ciaramella

Ci sono cinque startup campane tra le 40 giovani realtà protagoniste di R2B Research to Business – Smau Bologna, appuntamento dedicato all’innovazione e alla ricerca industriale realizzato da Smau e Aster, il consorzio dell’Emilia-Romagna per l’innovazione e il trasferimento tecnologico. La due giorni, in programma giovedì 7 e venerdì 8 giugno al padiglione 33 di Bologna Fiere, riunirà startup, laboratori, centri di ricerca e operatori del digital, per supportare il rinnovamento e la trasformazione delle imprese del territorio, attraverso il modello dell’Open Innovation. Dalla Campania arrivano Immensive, startup che sviluppa soluzioni di realtà virtuale immersiva, per semplificare i processi produttivi e progettuali di aziende appartenenti a vari settori, dall’architettura al marketing, dal turismo al medicale; Joikos, che ha realizzato Kard, un nuovo modo per scambiare e gestire i contatti di lavoro sostituendo i biglietti da visita cartacei e creando un social address book per il business; Pio Prox, che realizza soluzioni di marketing dedicate al commercio e allo shopping di prossimità, per proporre ai consumatori offerte convenienti e personalizzate. E poi Natural Intelligent Technologies (NITe), che ha sviluppato la prima tecnologia italiana basata sull’intelligenza artificiale, brevettata negli Stati Uniti e in Italia e in attesa di brevetto in Europa e Israele, in grado di leggere, cercare e analizzare la scrittura a mano libera in documenti digitali indipendentemente dallo scrittore, dall’alfabeto e dalla lingua, e Syenmaint, che fornisce servizi di manutenzione programmata su linee di produzione e infrastrutture, attraverso piattaforme dedicate che interagiscono con sensori a cui trasmettono le relative informazioni.
Nell’edizione 2018 di R2B – Smau Bologna si parlerà di biotecnologie, Industria 4.0, ICT, Smart Communities, gestione ambientale e del territorio – temi che saranno affrontati negli stand, nell’ambito degli speed pitching e degli Innovat&Match, gli eventi di brockeraggio B2B organizzati dal Consorzio Simpler – Enterprise Europe Network, la più grande rete internazionale a supporto delle Pmi. E, ancora, di Big Data, con un approfondimento sull’Industria 4.0 a cui sarà dedicato il convegno di apertura, di economia circolare, con un focus sul Piano della Commissione Europea e le nuove normative che rappresentano anche una spinta all’innovazione del settore, di innovazione sociale e politiche di impatto, di cultura e rigenerazione urbana, di cambiamenti climatici. A presentare la loro offerta di innovazione anche 50 laboratori e centri di ricerca, insieme a player del digital come Cisco, Intesa Sanpaolo, QVC, SAP, Seeweb e TIM, che avranno il compito di affiancare imprese e pubbliche amministrazioni nell’intero processo di trasformazione digitale.