Smau a Londra, chiusura con l’ambasciatore Trombetta

34
Foto di gruppo con l'ambasciatore Raffaele Trombetta (secondo da destra)

Si è chiusa la prima edizione di Smau Italy RestartsUP London che ha portato sulla scena internazionale una selezione di quaranta startup italiane con l’obiettivo di creare nuove connessioni, favorire l’avvio di nuove partnership e relazioni commerciali con l’ecosistema dell’innovazione londinese. La Regione Campania ha partecipato con otto startup selezionate da Smau – accompagnate dall’Assessore all’Internazionalizzazione Startup e Innovazione, Valeria Fascione – che hanno avuto la possibilità di proporsi in un contesto particolarmente proficuo per avviare collaborazioni e ottenere visibilità in chiave internazionale. L’articolato programma delle attività, realizzato in collaborazione con ICE/Italian Trade Agency, ha preso il via il 2 maggio con una serata di networking presso l’ambasciata italiana a Londra, alla presenza di Sua Eccellenza Raffaele Trombetta, Ambasciatore d’Italia nel Regno Unito, dei rappresentanti delle regioni coinvolte, delle startup, nonché di investitori ed aziende inglesi. La giornata del 3 maggio è stata dedicata agli incontri e alle presentazioni delle startup che, negli spazi del The Old Truman Brewery, hanno esposto i loro prodotti e servizi e si sono presentate a un pubblico di oltre 300 partecipanti tra imprese, innovatori, corporate, investitori e istituzioni internazionali. Il 4 maggio è stato invece dedicato al tour degli incubatori e acceleratori di Londra: IDEALondon, Mind the Bridge, Central Working, Level 39, Techitalia Lab, Intesa Sanpaolo – London Branch. Londra è il primo centro dell’innovazione in Europa, e si colloca al terzo posto nella classifica mondiale subito dopo la Silicon Valley e New York. Un ecosistema che conta dalle 4.300 alle 5.900 startup attive, il miglior ambiente in Europa dove far crescere il proprio business. Una città che offre alle startup ampie opportunità di crescita, grazie alla vicinanza con alcune delle più grandi banche del mondo, di fondi venture capital e aziende tecnologiche come Apple, Google e Facebook. “La presenza della Campania nell’hub dell’Innovazione più importante d’Europa rappresenta un passo importantissimo per l’internazionalizzazione del sistema produttivo della nostra Regione. Per tre giorni le nostre start-up e PMI innovative, insieme a grandi aziende, investitori, innovatori italiani e inglesi hanno dato vita a nuove connessioni all’insegna dell’Open Innovation. Come Giunta De Luca puntiamo moltissimo sulle opportunità offerte dalla collaborazione e dal networking internazionale, allacciando rapporti con i più importanti hub e mercati d’innovazione, come dimostrano anche i recenti Bandi rivolti all’Internazionalizzazione delle Pmi per un valore totale di 20 milioni di euro. Questa iniziativa viene immediatamente a valle della presenza a Napoli della Borsa Internazionale dell’Innovazione e dell’Alta Tecnologia, organizzata dall’ICE, con oltre 95 investitori esteri che hanno incontrato 120 realtà innovative realizzando più di 1300 incontri b2b”. Questo il commento dell’assessore all’Innovazione e Internazionalizzazione della Regione Campania, Valeria Fascione.

Le startup presenti

Greentronics progetta, produce e distribuisce nei settori del risparmio energetico, delle energie rinnovabili e dell’elettronica di consumo.

Epochè opera nel campo del fashion-tech con una nuova tecnologia ibrida per la lettura di notifiche da smartphone direttamente sul display di un orologio dal design classico.

Hearth, piattaforma di management di microeventi geolocalizzati che permette a territori, imprese e attività commerciali di raggiungere un nuovo pubblico attraverso una nuova forma di publishing digitale.

Immensive sviluppa applicativi di realtà virtuale immersiva e realtà aumentata per semplificare processi produttivi e progettuali per valorizzare il patrimonio culturale e per supportare le metodologie di training.

Joykos ha realizzato Kard, un nuovo modo per scambiare e gestire i contatti di lavoro sostituendo i biglietti da visita cartacei e creando un social address book per il business.

Natural Intelligent Technologies, NITe ha sviluppato una tecnologia, basata sull’intelligenza artificiale, in grado di leggere, cercare e analizzare la scrittura a mano libera in documenti digitali indipendentemente dallo scrittore, dall’alfabeto e dalla lingua.

Roll Studio, creative digital production agency specializzata nella creazione di soluzioni web, mobile e installazioni interattive, dal carattere innovativo e coinvolgente.

Tolemaica presenta OwnClick un servizio di datacertazione delle foto dei propri iscritti in modo veloce ed economico attraverso l’inserimento delle immagini e il rilascio di un elemento probatorio con valore legale.