Smau Milano, bilancio sull’export digitale italiano: Vale 7,5 mld di euro

23

Ultima giornata oggi per Smau, la fiera dedicata all’innovazione e alle aziende dal 24 al 26 ottobre 2017 a Milano presso Fiera Milano City. Da più di 50 anni Smau è l’evento di riferimento che aiuta imprenditori, manager, aziende e pubbliche amministrazioni a crescere e aggiornarsi su temi quali innovazione, tecnologia e Ict. La 54esima edizione dell’evento si muoverà fra Industria 4.0, Sratup e Open Innovation, Tecnologie Green e Agrifood, Sanità e Internazionalizzazione, Smart communities, commercio e turismo e guiderà imprenditori, rappresentanti della pubblica amministrazione, startupper e manager verso oltre 300 workshop, numerosi espositori e molte opportunità di business matching. Dal rapporto“Digital Transformation e le Pmiitaliane nel 2017” di Tag Innovation School si evidenzia la consapevolezza delle aziende italiane nell’importanza del procedere verso la trasformazione digitale. Dal rapporto si legge che World Economic Forum indica che tra il 2016 e il 2025 l’economia digitale mondiale produrrà un valore stimato per la società e l’industria di 21,2 trilioni di dollari e consentirà un risparmio di CO2 di 26 miliardi di tonnellate. Secondo il rapporto dell’Osservatorio Export del Politecnico di Milano nel 2016 il Digital Export ha infatti raggiunto un valore di 7,5 miliardi di euro, con una crescita del 24% rispetto all’anno prima. ma rappresenta ancora solo il 6% delle esportazioni totali di made in Italy. Migliori dati sono attesi per il 2017 grazie agli interventi del Governo e del Ministro Calenda circa l’Industria 4.0 e lo sviluppo digitale del Paese. La prima mattinata si è aperta con il workshop tenuto da Giulio Gargiullo, esperto consulente di marketing digitale con lunga esperienza di business fra Italia e Russia e a livello internazionale, il 24 ottobre alle 11.00 presso Arena Smau International. Gargiullo ha mostrato delle tecniche avanzate su come vendere nel mondo attraverso le notizie digitali, coniate dal noto economista David Meerman Scott. Gargiullo, nell’intervento “Internazionalizzare con le news digitali” ha parlato della tecnica del “Newsjacking” per comunicare nel mondo la propria azienda, i propri servizi e vendere grazie alle notizie online. Un approccio particolare al mondo delle notizie, nell’ambito del digital marketing , che si prende spunto dalle più attuali tecniche come lo storytelling, il real time marketing, ufficio stampa e digital pr, content marketing. La città di Milano diviene il centro della digital transformation con Smau. Centrale nell’edizione di quest’anno sarà “Smau international”, dedicato al rilancio del Made in Italy grazie all’innovazione e dove, per il terzo anno consecutivo, sarà dedicata un’area apposita per visitatori internazionali, investitori e imprenditori esteri si incontreranno con startup che intendono internazionalizzarsi.  In un’area apposita le startup avranno la possibilità di presentarsi e raccontarsi in numerosi workshop e pitch tenuti appositamente in lingua inglese, presso l’Arena Smau International. Così commenta Giulio Gargiullo digital marketing manager: “L’azienda tradizionale è divenuta industry 4.0 e questa, grazie alla digital transformation, vede al suo interno nuovi processi di automazione, informatizzazione, dematerializzazione, mobile, cloud computing e virtualizzazione. In questo quadro quindi si inserisce l’internazionalizzazione e l’export digitale, cioè la possibilità di fare marketing digitale per vendere ed esportare in tutto il mondo grazie al digitale. Oggi con relativamente poco budget è possibile vendere i propri servizi in tutto il mondo, in certe zone di alcuni paesi, selezionato in modo molto sofisticato il cliente target. Nel mio workshop tenuto a Smau Milano il 24 ottobre, ho spiegato come trovare nuovi clienti e vendere in tutto il mondo grazie alla news digitali. Vendere il Made in Italy e non solo, ma anche vendere e comunicare l’azienda 4.0 e saper vendere la conoscenza nel mondo, in tempo reale.  Oggi, ancora più con l’uso dei social network, smartphone e sistemi di messaggistica, possiamo veicolare notizie relative ad un’azienda e farla recapitare ai giusti giornalisti in giro per il mondo e anche indirizzare le notizie al pubblico più adatto alla nostra azienda”.