Sommerso e contratti irregolari, record nel Mezzogiorno: 22% dei lavoratori in nero

155

Mancata sicurezza sui luoghi di lavoro, contratti irregolari e lavoro nero, caporalato, lavoro minorile. Sono le ‘malattie’ del mercato del lavoro monitorate e contrastate dal Comando Carabinieri per la Tutela del Lavoro, come emerge dal Rapporto Italia 2018 dell’Eurispes. Secondo il Rapporto, nel 2017 il Reparto speciale ha controllato 18.924 aziende lungo tutta la Penisola e verificato la posizione contrattuale di oltre 58mila lavoratori. Il 71% delle aziende e attività commerciali e alberghiere controllate ha evidenziato irregolarità, mentre 125 sono risultate totalmente ‘in nero’ ovvero non iscritte neanche alla Camera di commercio. Contestate sanzioni amministrative per 28.897.237 euro, denunciate 6.850 persone di cui 57 arrestate. Sono state accertate 81 truffe per un valore di 17.655.955 euro. E la sicurezza sui luoghi di lavoro continua presentare particolari fattori di criticità: i controlli dell’Arma si sono concentrati su 3.328 imprese e hanno messo in luce irregolarità che hanno portato a 389 sospensioni di attività e alla denuncia di 3.742 persone; sono stati sequestrati 19 cantieri, elevate ammende per 8.757.250 euro. Nell’ambito delle attività di contrasto al fenomeno delle truffe ai danni degli Enti, sono stati perseguiti dai Nil, complessivamente, 81 casi di truffa, per un importo accertato, nel semestre di riferimento, pari a 17.655.955 euro. Il ‘lavoro nero’ è il fenomeno che rimane, dal punto di vista del danno all’economia nazionale, spiega l’Eurispes, il più gravoso, sia per i mancati introiti sia per la minore tutela per i lavoratori sia dal punto di vista previdenziale e pensionistico, che da quello assicurativo in caso di infortuni e malattie professionali.
Nel periodo di riferimento, 2.154 imprese sono state sospese per posizioni che riguardavano 5.401 lavoratori. La maglia nera spetta al Sud Italia (Campania, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia), dove si concentrano il 22% dei lavoratori in nero; al secondo posto, il Nord con il 18,2%, segue il Centro (Toscana, Umbria, Lazio, Abruzzo e Sardegna) con il 17,7%, mentre il comparto geografico del Nord-Est raccoglie l’11,8% delle irregolarità. A braccetto con la piaga del lavoro nero va il dramma del caporalato, una pratica degenerata con il passare del tempo a causa del crescente numero di immigrati in cerca di lavoro, e della crisi economica che ha fatto crollare i prezzi agricoli. I militari dell’Arma hanno controllato nel 2017 14.482 lavoratori extracomunitari: di questi 3.518 sono risultati in nero e 2.074 irregolari; sono stati scoperti 718 clandestini ed espulsi 33 (Comando Carabinieri per la Tutela del Lavoro). E anche quello del lavoro minorile è un tema complesso. Nel 2017, i militari del Comando hanno verificato la posizione lavorativa di 560 minori accertandone lo stato irregolare in 262 casi, ovvero nel 46,6% del totale. In particolare, dei 106 bambini italiani, comunitari e extracomunitari, 37 sono risultati occupati. Dei 454 adolescenti italiani, comunitari e extracomunitari, 225 sono risultati occupati illegalmente. Il dato positivo è che non è stato segnalato alcun caso di ‘child labour’, ovvero attività lavorative che non consentono di accedere all’istruzione, che ostacolano lo sviluppo psico-fisico, sociale e morale dei bambini, ma che consentono invece di contribuire all’economia familiare.