Sorpresa Pil, il Sud è in ripresa

51


Il Mezzogiorno è in ripresa. Quasi a sorpresa, le stime preliminari fornite dall’Istat sul prodotto interno lordo mostra un aumento che al Sud è perfino più marcato che nel resto del Paese: +0,9% contro lo 0,8% del Nord-ovest e lo 0,7% del Centro. In particolare, nel Mezzogiorno, l’aumento del valore aggiunto è più marcato nell’industria (+3,4%) e nel settore che raggruppa commercio, pubblici esercizi, trasporti e telecomunicazioni (+1,4%). Segnano un incremento modesto i servizi finanziari, immobiliari e professionali (+0,3%) e gli altri servizi (+0,2%). Si registrano cali per l’agricoltura (-4,5%) e, in misura molto limitata, per le costruzioni (-0,1%). L’occupazione (misurata in termini di numero di occupati) è cresciuta, nel 2016, dell’1,3%. L’aumento maggiore si osserva nelle regioni del Nord-est (+1,8%), seguite da quelle del Mezzogiorno (+1,6%) e del Nord-ovest (+1,0%). Nelle regioni del Centro la crescita è inferiore alla media e risulta pari allo 0,6%. Secondo il presidente dell’Istat, Giorgio Alleva, il Pil “è cresciuto al Sud a un ritmo analogo a quello del Paese. Il recupero di competitività del Mezzogiorno ha riguardato soprattutto il comparto industriale. Non sono dati esaltanti, ma un importante segnale, comunque”.
Soddisfatto il ministro per la coesione territoriale e il mezzogiorno, Claudio de Vincenti, che twitta: “Finalmente! I dati Istat parlano chiaro: la politica meridionalista degli ultimi 1000 giorni dà i suoi frutti. #laripresadelSudcontinua”. Secondo il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia. “La forbice tra Nord e il Mezzogiorno non si sta riducendo, ma il Sud è in crescita. La Campania è in crescita maggiore rispetto alle altre regioni e il Paese è in crescita. Questo significa che dobbiamo continuare la politica che abbiamo definito attraverso il piano industriale 4.0, riportando all’attenzione del Paese la questione industriale, perché dalla crescita dell’industria si creano investimenti, più occupazione e quindi si riattiva la domanda interna”.