Sorrento, guerra agli sprechi alimentari: via al progetto Cibo circolare

110

Si chiama Cibo circolare il progetto, elaborato dall’assessorato all’Ambiente, in partenza sul territorio del Comune di Sorrento. L’iniziativa ha come scopo la riduzione degli sprechi alimentari e della produzione di rifiuti, mediante la riduzione della tariffa Tari per le utenze non domestiche relative ad attività commerciali, industriali, professionali e produttive in genere, del settore alimentare, che a titolo gratuito cedano alimenti agli indigenti e alle persone in maggiori condizioni di bisogno, ai sensi di quanto previsto dalla Legge Gadda. È prevista, infatti, una riduzione fino al massimo del 20% della parte variabile della tariffa per i locali di attività che cedano eccedenze alimentari ad associazioni assistenziali o di volontariato aderenti all’iniziativa, piuttosto che smaltirle come rifiuti. “L’applicazione della Legge Gadda punta a creare un circuito virtuoso finalizzato a contrastare la cultura dello spreco trasformandolo in risorsa – spiega l’assessore all’Ambiente, Valeria Paladino – All’aspetto ambientale di riduzione dei rifiuti, si affianca il fine sociale di vicinanza alle attività commerciali e alle persone in situazione di bisogno. ‘Cibo circolare’ si pone dunque come scopo l’integrazione di tutti gli aspetti della sostenibilità: ambientale, economica e sociale’. Partirà a breve, da parte dell’Amministrazione, la divulgazione delle modalità di adesione e la distribuzione della modulistica necessaria.