Sostenibilità, ecco la call for future: caccia alle best practice delle imprese

126

Aperte le candidature per la Sodalitas Call for Future, il bando volto ad individuare progetti imprenditoriali sostenibili in linea con l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. Le imprese che intendono partecipare dovranno presentare una o più case history di progetti in fase di realizzazione o realizzati negli ultimi 5 anni, in Italia o all’estero, che abbiano generato un impatto positivo rispetto a quattro sfide: Call for Planet (Contrasto al cambiamento climatico, Economia circolare, utilizzo sostenibile delle risorse naturali, tutela della biodiversità, territori resilienti e sostenibili); Call for People (contrasto alle disuguaglianze, inclusione sociale, salute, benessere e qualità della vita, innovazione sociale, comunità solidali); Call for Work (promozione dell’occupabilità per tutti, diversità, pari opportunità e diritti umani, gestione responsabile della catena di fornitura, qualità del lavoro, work-life balance e benessere dei collaboratori, giovani, scuola e mercato del lavoro); Call for Better (impresa & cultura per un futuro sostenibile, trasparenza nel rapporto con il mercato e i consumatori, comportamenti di acquisto e consumo, stili di vita sostenibili, riduzione degli sprechi).

Possono partecipare aziende di piccola media o grande dimensione, con una qualsiasi funzione (direttiva, amministrativa, produttiva o commerciale), ovunque abbiano sede, in qualsiasi settore di mercato operino ad eccezione dei seguenti: gioco d’azzardo, tabacco, superalcoolici, armi.

Le imprese selezionate riceveranno il marchio “Sodalitas Call for Future”,che sottolinea il contributo dell’impresa nel percorso verso la sostenibilità; saranno pubblicate sulla prima piattaforma digitale dedicata al movimento delle imprese impegnate a costruire un futuro sostenibile; concorreranno ad essere scelte da un panel scientifico indipendente tra gli 8 SDG champions più efficaci nell’attuare l’Agenda ONU 2030; saranno protagoniste del concorso “Together for future” che coinvolgerà 2 milioni di studenti delle 7.500 scuole secondarie di secondo grado d’Italia.

La scadenza per la partecipazione al bando è il 30 novembre 2020.