Sostenibilità ed economia circolare nell’Europa del 2030: una sfida per rilanciare lo sviluppo territoriale

210

Il giorno 12 dicembre 2019 alle ore 9.30, presso l’Aula Pessina dell’Università Federico II di Napoli, sita al Corso Umberto 40, si terrà l’evento “Sostenibilità ed economia circolare nell’Europa del 2030: una sfida per rilanciare lo sviluppo territoriale”, organizzato dal Centro Europe Direct Napoli, Benevento, Avellino, Salerno L.U.P.T. “Maria Scognamiglio” della Federico II e dal canale web di divulgazione scientifica CIAK SI SCIENZA (www.ciaksiscienza.com).
L’evento vuole essere un’occasione di confronto tra mondo della ricerca, delle istituzioni e del settore industriale sull’importanza di un cambiamento verso lo sviluppo sostenibile e l’economia circolare, anche in ragione delle direttive europee.
La prospettiva di una crescita economica sostenibile, infatti, rappresenta un obiettivo fondamentale dell’Agenda politica della Commissione Europea, al fine di assicurare la tutela e la conservazione del patrimonio ambientale.
I temi principali che verranno discussi riguarderanno sia gli aspetti tecnici dell’economia circolare e gli avanzamenti più recenti nel settore, con un focus sul caso dei nuovi materiali più ecosostenibili e sul riciclo degli imballaggi in plastica; sia gli aspetti normativi, in relazione agli interventi del legislatore che si considerano necessari ai fini dell’attuazione dello sviluppo sostenibile e dell’economia circolare.
Si affronteranno anche gli aspetti legati alla mitigazione del rischio idrogeologico nella pianificazione urbanistica e alla progettazione sostenibile.
Si raccoglieranno, inoltre, le testimonianze del mondo delle associazioni ambientaliste e del settore industriale, dal quale si potranno apprendere le difficoltà che le imprese affrontano nella transizione verso un’economia sostenibile.
In questo contesto, verrà presentata la nascente area di ricerca e servizi Ecircular – Ecosostenibilità ed economia circolare, che, avvalendosi del contributo di esperti qualificati della Federico II e di altre università e centri di ricerca e di aziende private site in varie regioni italiane, è finalizzata a ottimizzare l’applicazione di tecnologie eco-sostenibili e a promuovere lo sviluppo dell’economia circolare e la valorizzazione del territorio. Ecircular – come dichiarato da Vincenza Faraco, docente di chimica e biotecnologia delle fermentazioni dell’ateneo federiciano e presidente dell’associazione no profit CIAK SI SCIENZA – “nasce dall’esperienza di ricerca condivisa con molti colleghi della Federico II, del CNR e di diverse aziende ed è finalizzata alla valorizzazione eco-compatibile e allo sviluppo sostenibile del territorio, perseguendo il modello di una biopolis, cioè una città green, in cui si minimizzano le emissioni dei gas serra, si prediligono le risorse rinnovabili e in particolare si mira al riutilizzo dei rifiuti di un processo produttivo come materie prime di un altro processo, in applicazione al modello virtuoso dell’economia circolare”.
L’evento, patrocinato dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, si aprirà con i saluti istituzionali del professor Guglielmo Trupiano, Direttore del Centro Europe Direct “Maria Scognamilgio” LUPT, ai quali seguiranno le “conversazioni” con esperti di vari enti e con i rappresentanti del settore industriale e delle associazioni ambientaliste, intervallate da proiezioni di stralci di video CIAK SI SCIENZA.
Al dibattito, introdotto e moderato dalla professoressa Vincenza Faraco, parteciperà in video conferenza il dott.  Sergio Cristofanelli del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, che illustrerà gli aspetti normativi necessari all’attuazione dello sviluppo sostenibile e dell’economia circolare e in particolare i decreti cd. “end of waste”.
Mario Malinconico, Presidente ATIA-ISWA ITALIA, discuterà degli aspetti tecnici dell’economia circolare e degli avanzamenti più recenti nel settore; mentre Antonio Furiano, del Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclaggio e il Recupero degli Imballaggi in Plastica-COREPLA, interverrà sul contributo degli imballaggi in plastica all’economia circolare.
Parteciperanno alle conversazioni Pier Paolo Franzese, dell’Università degli Studi di Napoli Parthenope e membro del Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze del Mare-CoNISMa, che esporrà sull’importanza del capitale naturale, i servizi ecosistemici e dell’economia circolare; Giuseppe Romano, presidente del Consorzio per l’Area di Sviluppo Industriale-ASI Napoli e della Confederazione Italiana per lo Sviluppo Economico-CISE Roma, che parteciperà in rappresentanza del settore industriale; Maria Rapini, Segretario Generale Marevivo, la quale si concentrerà sull’importanza dell’educazione ambientale nella transizione a uno sviluppo sostenibile; Maria Antonietta Nisi, del Consiglio Nazionale delle Ricerche-CNR, che discuterà della progettazione in sostenibilità, illustrando nuove tecnologie e strategie di mitigazione e i relativi impatti sull’ambiente; Ferdinando Maria Musto, del Centro interdipartimentale di ricerca Laboratorio di Urbanistica e di Pianificazione del Territorio L.U.P.T. “Raffaele d’Ambrosio”, che interverrà sulla mitigazione del rischio idrogeologico nella pianificazione urbanistica sostenibile.
L’evento sarà “plastic free” secondo le linee guida del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

SCARICA LA LOCANDINA DELL’EVENTO