Sostenibilità: Seeds&Chips awards a startup più innovative del foodtech

23

Milano, 10 mag. (Labitalia) – Oltre 300 speaker internazionali, più di 40 sessioni di conferenze, oltre 250 startup partecipanti e 300 media accreditati da tutto il mondo. Questi i numeri dell’edizione 2018 di Seeds&Chips che si conclude oggi a Milano. Dopo le prime giornate che hanno visto come protagonisti Howard Schultz, Executive Chairman di Starbucks, e John Kerry, 68° Segretario di Stato americano, sono stati consegnati questa mattina gli ambiti Seeds&Chips Awards: 15 premi assegnati alle più innovative startup del comparto food e ag tech selezionate da una giuria scientifica composta da Iit, Cnr e Enea. Con la premiazione di queste giovani e promettenti realtà della food innovation mondiale si avvia alla fine Seeds&Chips 2018.

“Tante le soddisfazioni e i riconoscimenti ricevuti – afferma Marco Gualtieri, presidente e fondatore di Seeds&Chips – per questa quarta edizione. Abbiamo avuto importanti segnali, in modo trasversale, che ci danno ottimi segnali per il futuro e ci fanno capire che il messaggio è arrivato. Vorrei citare tre startup italiane che sono state con noi, Chokkino, che ha incontrato un entusiasta Howard Schultz durante il nostro GiveMe5!, Revoilution e Robonica, con l’auspicio che possano diventare le prime Unicorn nazionali con il coinvolgimento di tutto il Sistema Paese”.

E proprio ieri in Vaticano una delegazione di small holder farmers guidata da Viktoria de Bourbon de Parme ha incontrato Papa Francesco. Una rappresentanza di piccoli agricoltori di tutto il mondo, che hanno preso parte a Seeds&Chips, e che, in questa occasione, hanno portato al Santo Padre il messaggio ereditato dal Summit: il sostegno a un’alleanza umana per la salvaguardia dell’intero pianeta, anche e soprattutto attraverso il progresso nell’agricoltura. Oggi i piccoli agricoltori sono oltre cinquecento milioni, ovvero il 90% delle aziende agricole che producono circa l’80% del cibo mondiale, purtroppo però sono per lo più invisibili, non hanno voce nelle istituzioni e spesso vivono al di sotto della soglia di povertà.

Un altro momento significativo ha visto l’incontro tra Paolo Palumbo, giovane oristanese malato di Sla, e l’ex Segretario John Kerry, che ha ricevuto un certificato di adozione di una pecorella sarda in cambio del suo impegno concreto a sostegno della ricerca sulla Sla. Altrettante pecorelle sono state adottate simbolicamente da Terry Kennedy, figlia di Robert Kennedy, al patron di Starbucks Howard Schultz e a Marco Gualtieri.

“Proviamo grande entusiasmo – ribadisce Marco Gualtieri – per i riscontri avuti, a livello nazionale e internazionale e per le sinergie che abbiamo sviluppato e messo in campo. Già dalla prossima edizione siamo convinti che proseguiremo il cammino intrapreso. So che Howard Schultz ha direttamente espresso al Presidente Obama quanto sia stato onorato della sua presenza a Seeds&Chips dopo di lui. A sua volta il Presidente Obama ha mandato i saluti a Seeds&Chips attraverso le parole del Segretario Kerry”.

“Questo per noi è grande motivo di orgoglio e stimolo a migliorarci, continuando a fare network con le Istituzioni, le aziende, le startup e i decision makers e tutti coloro che possono ‘fare sistema’ per uno sviluppo sempre più sostenibile e in grado di coinvolgere tutti i Paesi del Mondo. Questo è un obiettivo fondamentale che portiamo con noi anche nella prossima edizione dal 6 al 9 maggio 2019 a Milano. Sui grandi speaker internazionali non mi sbilancio, ma vi stupiremo ancora”, conclude.