Sostenibilità sociale: il ruolo chiave delle imprese. Oggi il forum di Tecno a Napoli

49
in foto Giovanni Lombardi, presidente e fondatore del Gruppo Tecno

“Sostenibilità sociale: il ruolo chiave delle imprese”: questo il tema del convegno organizzato dal Gruppo Industriale Tecno (www.tecnosrl.it) per questo pomeriggio alle 16 a Napoli a Palazzo Ischitella nell’ambito dei TecnoTalk, il ciclo di appuntamenti organizzati dall’azienda volti alla diffusione della cultura della sostenibilità e destinati al mondo delle imprese che coinvolge anche esponenti del mondo scientifico, sociale ed economico, italiano ed internazionale.
Introdurrà il dibattito il Presidente e fondatore del Gruppo Tecno Lombardi, dal 2018 Presidente dell’Advisory Board del Museo e Real Bosco di Capodimonte, da sempre impegnato in azioni che esaltano il ruolo sociale, oltre che economico, di un’azienda sul territorio. L’incontro sarà aperto da Paolo Taticchi, docente di strategia e sostenibilità presso UCL e Imperial College di Londra che terrà un intervento su: “Il business case per la sostenibilità: rischi, opportunità e sopravvivenza”. Parteciperanno al dibattito la Senior Vice President di Unicredit Daniela Barco, l’ad di Mercato Metropolitano Andrea Rasca, il Responsabile della Garanzia Green di SACE Mario Melillo e l’ad di Tamburi Investment Partners SPA Alessandra Gritti.
A moderare gli interventi l’inviato de Il Sole 24ore Simone Filippetti.
L’azienda, fondata nel 1999 da Lombardi, conta oltre 3600 imprese clienti in tutti i settori produttivi, 130 dipendenti e ha in suo quartier generale a Napoli e sedi in Italia a Bologna e Milano e all’estero (Berlino e Parigi ed Istanbul). Dal 2017 è in Elite, il programma internazionale nato in Borsa Italiana nel 2012 in collaborazione con Confindustria e dedicato alle aziende più ambiziose, con un modello di business solido e una chiara strategia di crescita. Dal 2020 il gruppo Tecno fa parte del Global Compact delle Nazioni Unite, del tavolo del B20 per le task force: Finance & Infrastructure ed Energy & Resource Efficiency, con l’impegno a rispettarne i 10 principi e a comunicare le azioni individuate per perseguirli. Ha vinto per la quarta volta il Premio Deloitte Best Managed Companies nel 2021, rientrando così nella categoria Gold. L’azienda, già promotrice di una serie di iniziative dedicate alla rivalutazione del territorio, al restauro e la restituzione alla comunità di opere d’arte – dal 2005 player di riferimento per innovazione digitale e sostenibilità ambientale – negli ultimi anni ha ridefinito la propria vision, orientandosi, così, verso investimenti responsabili e in linea con gli SDGs.
“Quali sono – dichiara Giovanni Lombardi – le motivazioni che spingono le aziende ad intraprendere un percorso sostenibile? Quale è il valore prodotto da questa scelta per l’intera collettività? Sono questi i temi del secondo evento del ciclo di incontri sulla sostenibilità, non più vista come scelta etica, legata all’ambiente, ma come opportunità di business, occasione per accedere ai mercati globali, che premiano le aziende virtuose. Vogliamo partire dalla “consapevolezza” per creare valore. Il settore della sostenibilità cresce a livello mondiale a doppia cifra e la nostra Business Unit sostenibilità raggiungerà almeno i 20 milioni di fatturato in tre anni. Questi numeri li vediamo anche nelle previsioni occupazionali: oggi sono 15 le persone impegnate in questo settore tra tre anni saranno un centinaio”.