Spagna, il miglior ristorante al mondo è italiano: Massimo Bottura vince il World’s 50 Best Restaurants

82
in foto Massimo Bottura

di Giuseppe Abazia

La cucina italiana non smette mai di mietere consensi e all’edizione 2018 del World’s 50 Best Restaurants svoltasi al Palacio Euskalduna di Bilbao se n’è avuta l’ennesima testimonianza: l’Osteria Francescana dello chef modenese Massimo Bottura è stata insignita del primo premio, guadagnandosi il titolo di miglior ristorante al mondo. Massimo Bottura non è nuovo a simili riconoscimenti, dato che già nel 2016 la sua Osteria aveva conquistato la vetta della classifica di quello che è considerato uno dei più importanti premi in ambito culinario; questa dell’edizione 2018 è dunque una riconferma dell’eccellenza e della carica innovativa che contraddistinguono la gastronomia italiana.
Massimo Bottura rilevò quella che di lì a poco sarebbe diventata l’Osteria Francescana nel 1995, a Modena, supportato da sua moglie Lara Gilmore (che lo affiancava anche sul palco della kermesse di Bilbao) e da una formazione culinaria di caratura internazionale, che spazia fra tradizione emiliana ed esperienze a Montecarlo e New York. Il primo riconoscimento ufficiale al suo ristorante arriva sotto la forma di tre stelle Michelin; successivamente, inizia la scalata della classifica del World’s 50 Best Restaurants. Terzo posto nel 2013 e nel 2014, secondo posto nel 2015, fino al trionfo nel 2016. Oggi, nel 2018, i 1.040 esperti che costituiscono la base votante della manifestazione hanno nuovamente decretato i massimi onori allo chef Bottura.
L’arte culinaria dello chef stellato è inoltre declinata anche nel sociale: fondatore, sempre insieme alla moglie Lara, dell’associazione no-profit Food For Soul, Bottura promuove iniziative volte a combattere lo spreco alimentare e gestisce refettori destinati ad ospitare e sfamare persone in difficoltà. Al momento le strutture dedicate all’accoglienza sono quattro: una Milano, una a Parigi, una a Londra e una a Rio de Janeiro. Per il suo impegno nel sociale, Bottura ha ricevuto a settembre 2017 il Sustainability Forward Award, assegnato nell’ambito del Global Gastronomy Award agli chef che si dedicano a progetti di sostenibilità alimentare.
L’Osteria Franscescana non è l’unica presenza italiana in classifica: al sedicesimo posto troviamo Piazza Duomo, ristorante di Alba dello chef Enrico Crippa; al ventitreesimo posto, Le Calandre di Massimiliano Alajmo, di Rubano; al trentaseiesimo posto, Niko Romito e il suo Reale, a Castel di Sangro.