Spazio, scoperto il vento molecolare che blocca le stelle: italiani nel team di ricerca

24

In uno studio pubblicato sulla rivista The Astrophysical Journal Letters, un team internazionale di astrofisici, tra cui anche ricercatori dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), ha descritto un’inaspettata scoperta realizzata grazie al Gran Telescopio Milimétrico Alfonso Serrano (Gtm) in Messico: l’esistenza di un potente vento di gas molecolare freddo in una galassia molto simile alla Via Lattea, situata a una distanza di 800 milioni di anni luce da noi. Questo vento sarebbe in grado di spazzare via dalla galassia, ad altissima velocità, il materiale fondamentale per la formazione di nuove stelle, rendendola – quindi – “sterile”. Osservazioni precedenti ottenute nella banda dei raggi X dal satellite XMM-Newton dell’Agenzia Spaziale Europea, due anni fa hanno permesso di scoprire in questo stesso oggetto e dallo stesso team di astronomi la presenza di venti estremamente veloci (ultra-fast outflow) costituiti da gas ionizzato ad alta temperatura che si muove a un decimo della velocità della luce (circa 30,000 km/s). Si pensa che questo tipo di venti siano prodotti nelle vicinanze dei buchi neri supermassicci che si trovano al centro dei cosiddetti Nuclei Galattici Attivi (Agn), galassie la cui luminosità molto elevata (quasar) è alimentata dai processi di accrescimento che liberano una gran quantità di energia grazie all’attività del buco nero e del suo disco di accrescimento. IRAS17020+4544 è, però, una galassia attiva con luminosità di gran lunga inferiore ai quasar.
I dati ottenuti dallo spettrografo del Gtm rivelano che questi venti ultra veloci osservati nei raggi X convivono con la fuoriuscita di materiale denso e freddo composto da molecole di monossido di carbonio (da qui il nome di vento molecolare) che emette in banda millimetrica. Anna Lia Longinotti, ricercatrice italiana dell’Inaoe (Instituto Nacional de Astrofísica, Óptica y Electrónica, Messico) e prima autrice dello studio, racconta che il gas rivelato dal Gtm si situa in regioni distanti all’interno della stessa galassia “ospite”, all’incirca fra 2000 e 20.000 di anni luce di distanza dal nucleo attivo. Una scala ben differente da quella in cui si trova il vento osservato in raggi X che si localizza molto vicino al buco nero centrale (meno di un millesimo di anno luce). La ricercatrice sottolinea che è importante rivelare il movimento del gas molecolare in galassie dove è stato già osservato un ultra-fast outflow perché si sospetta che ci sia una connessione fra il vento ultra veloce “lanciato” dal disco di accrescimento e i venti molecolari osservati su grande scala, quindi in regioni della galassia molto più periferiche.