Sport e innovazione, Cavalieri del Lavoro: focus su Luna Rossa Prada Pirelli, gioiello del made in Italy

48
in foto: Cavalieri del lavoro, evento su sport e innovazione

Approfondire l’eccellenza italiana del Made in Italy sotto il profilo industriale e dell’innovazione tecnologica, capace di contribuire in maniera decisiva anche ai successi sportivi e alle sfide in ambito nautico. È stato questo il focus dell’incontro “Luna Rossa Prada Pirelli: una sfida tra sport, innovazione e tecnologia”, organizzato dalla Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro, che si è tenuto venerdì a Roma presso il Collegio Universitario dei Cavalieri del Lavoro “Lamaro Pozzani”.

La serata, moderata da Paolo Mazzanti, Direttore della rivista “Civiltà del Lavoro”, è stata aperta dai saluti e dall’introduzione di Maurizio Sella, Presidente della Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro, affiancato da Luigi Abete, Presidente della Commissione per le attività di formazione, e Agostino Randazzo Randazzo, Cav. Lav. e Presidente del Circolo della Vela Sicilia.

L’evento ha visto gli interventi di uno dei protagonisti della partecipazione italiana alla prossima Coppa America, Max Sirena, Team Director e Skipper di Luna Rossa Prada Pirelli, e di Pierino Persico, Cavaliere del Lavoro e Presidente di Persico, l’azienda che da anni si dedica alla produzione delle imbarcazioni.

I relatori hanno avuto modo di porre l’accento sulla cruciale sinergia tra competizione sportiva e progresso tecnologico, delineando un quadro in cui l’impegno per il raggiungimento degli obiettivi, si intreccia in modo unico con la passione per il mare e la vela. Un insieme di elementi che contribuisce a plasmare l’identità distintiva di Luna Rossa Prada Pirelli, posizionandola come protagonista nel panorama sportivo internazionale.

“La capacità di innovazione e la determinazione nell’affrontare le sfide più complesse sono caratteristiche del made in Italy, testimoniate da molte aziende di Cavalieri del Lavoro. Da una recente analisi svolta da Crif Ratings – ha affermato Maurizio Sella, presidente della Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro – emerge il contributo centrale delle aziende dei Cavalieri del Lavoro al sistema Paese in termini economici e di occupazione. In primo luogo, confrontando il Valore Aggiunto generato dalle aziende dei Cavalieri del Lavoro (dati 2022) con il PIL italiano, emerge una rilevante contribuzione (5%) delle stesse aziende alla ricchezza del paese. Dallo studio emerge che le aziende dei Cavalieri del Lavoro, pur rappresentando il 3% del campione nazionale delle società di capitali con fatturato superiore a 20 milioni di euro, sviluppano il 20% degli addetti dal punto di vista occupazionale”. 

“Siamo l’unico team in Coppa America ad avere il tricolore sullo scafo: vogliamo portare il nostro Paese e il Made in Italy nel mondo, a tutti i livelli – ha dichiarato dal canto suo Max Sirena, Team Director e Skipper di Luna Rossa Prada Pirelli –. Noi rappresentiamo l’Italia nel trofeo sportivo più antico che esista, addirittura precedente alle Olimpiadi moderne, e Luna Rossa rappresenta l’apice della tecnologia applicata alla vela. In Coppa America si lavora ‘al buio’ per due anni e mezzo, concentrandosi sul proprio progetto senza conoscere quello degli avversari. Durante gli allenamenti l’obiettivo è alzare l’asticella sempre di più per arrivare a guadagnare un decimo di nodo rispetto agli avversari”.

L’incontro rientra tra le iniziative promosse dalla Federazione in vista della Giornata Nazionale del made in Italy, che sarà celebrata il prossimo 15 aprile. La tavola rotonda è stata estesa in via telematica (Zoom) a tutti gli allievi della rete nazionale dei Collegi di Merito, con l’obiettivo di incoraggiare soprattutto nelle nuove generazioni i valori del Made in Italy, consolidando l’impegno della Federazione nel celebrare il valore e le qualità delle opere dell’ingegno e dei prodotti italiani.