Sport, Tam Tam festeggia la norma che apre a giovani immigrati

15

Mezzo milione di bambini, senza distinzione di nazionalità, potranno da questo mese fare sport in Italia senza alcuna limitazione. E ciò grazie alla Tam Tam Basket di Castel Volturno, squadra formata da ragazzi nati in Italia da immigrati africani che non hanno la cittadinanza, e alla norma ribattezzata “norma tam tam”, che oggi consente il tesseramento annuale anche a giovani extracomunitari non in regola con i permessi di soggiorno, a condizione che siano iscritti da almeno un anno a una qualsiasi classe dell’ordinamento scolastico italiano.
Ieri sera, presso l’Accademia Marittima Imat di Castel Volturno (Caserta), alla presenza degli esponenti politici che nel 2017 si spesero per far diventare realtà la norma Tam Tam, come il deputato Pd Michele Anzaldi e l’ex ministro delle Sport Luca Lotti, e con l’intervento non annunciato e improvviso del presidente della Camera Roberto Fico, si è celebrato questo nuovo inizio, ma anche la fine di una battaglia che lo scorso anno portò al centro dell’attenzione mediatica e politica i giovani atleti della Tam Tam, ragazzi tra i 12 e i 15 anni che non potevano iscriversi ai campionati federali, visto che allora la normativa della Federazione Basket prescriveva che ogni team non potesse avere più di due atleti stranieri.
Oggi, con la nuova norma, non solo tanti ragazzi in tutta Italia, figli di immigrati, potranno giocare in campionati federali, ma la stessa Tam Tam, già composta da una cinquantina di ragazzi, crescerà; nascerà a breve una squadra mista formata da italiani e figli di immigrati, che disputerà il campionato juniores. Il tecnico Max Antonelli chiede “più strutture e risorse”.
“No a battaglie ideologiche su questi temi, che non devono mai dividere, perché coinvolgono tanti adolescenti che hanno diritto di crescere praticando sport” ha detto Lotti. Per Anzaldi “negare la possibilità di fare sport vuol dire negare una parte essenziale della formazione a tanti ragazzi”. L’ex stella Nba Linton Johnson, che vive a Caserta, presente ieri, ha detto che lo “sport toglie la gente dalla strada e riduce il rischio che i giovani finiscano nella malavita. Mi impegnerò sempre per i ragazzi di Castel Volturno”.
Sempre ieri è stata inaugurata la mostra fotografica dell’artista Carmen Sigillo per celebrare il “successo sportivo” e soprattutto “umano” degli atleti della Tam Tam Basket; il Napoli Calcio, con i suoi calciatori, sarà alla mostra nei prossimi giorni e per l’occasione sarà organizzato un evento in città.