“Spotter”, la nuova App di social parking: rating e ricompense agli utenti virtuosi

363

Si chiama Spotter ed è una nuova App di social parking che prevede una serie di ricompense per gli utenti virtuosi e un sistema di social rating al fine di creare una vera e propria community di automobilisti. L’app offre ricompense, anche sotto forma di buoni Amazon, nel momento in cui si lascia un posto libero e offre una serie di strumenti che permettono di trovare posto facilmente e di parcheggiare senza stress. Nelle sempre più caotiche città moderne, trovare parcheggio può diventare una vera e propria sfida, più o meno importante in base all’orario. Spotter può diventare un’App veramente molto utile se utilizzata nella maniera opportuna e se la sua community crescerà. Le informazioni su geo-localizzazione e tempistiche del parcheggio libero vengono condivise all’interno della community. Chi è in cerca del parcheggio può prenotarlo e in cambio dell’informazione usa dei token chiamati “seSterzi”, mentre chi lascia il posto riceve delle ricompense, ovvero gli “sPoints”,, che è possibile convertire in varie gift cards, tra cui quelle di Amazon, o in ulteriori seSterzi.
La serietà dell’App è dettata dal Codice di Condotta che obbliga la Community ad un comportamento virtuoso pena l’espulsione da Spotter. Il download dell’App è del tutto gratuito, e non serve neanche la registrazione visto che l’utente può registrarsi tramite social media o inserendo la propria e-mail. Si possono pubblicare informazioni sui parcheggi o cercare parcheggio con pochi semplici tap, e i parcheggi disponibili nella zona, pubblicati da altri utenti, vengono mostrati in tempo reale. Sono disponibili criteri di ricerca avanzati quali rating minimo, orario, dimensione minima del parcheggio. Appena scaricata l’App si hanno dei token in omaggio per testarne le funzioni. Ogni utente, inoltre, ha un rating espresso in forma di stelline: un rating alto permette di ottenere accesso a più parcheggi e ulteriori ricompense in App; al contrario un rating basso può limitare l’accesso all’App e portare anche al ban definitivo dell’utente. Spotter è un progetto ambizioso che parte da Milano e che vuole poi espandersi in Italia, prossima tappa a Roma, e successivamente all’estero. Il servizio si basa su una filosofia di fondo per cui chi usa Spotter è tenuto a: essere cortese e rispettoso nei confronti degli altri conducenti e pedoni; farsi riconoscere dall’utente che sta uscendo da un parcheggio mediante gli strumenti consigliati o conferiti dall’App; fornire sempre informazioni chiare e precise riguardo al parcheggio che condivide. L’App Spotter è gratuita ed è disponibile per il download in lingua italiana su Android.