Sri Lanka, Ambasciata italiana rafforza le misure di assistenza e sicurezza

120
In foto Giuliana Mannella, ambasciatore d'Italia nello Sri Lanka
La situazione nello Sri Lanka è confusa e l’Ambasciata italiana di cui S.E. l’Ambasciatore Rita Giuliana Mannella monitora giorno dopo giorno tutte le azioni necessarie per tenersi informati sui propri connazionali che si trovano in questo momento visto anche che le vittime degli attacchi riscontrati fino ad ora sono varie centinaia e che molte ambasciate e sedi diplomatiche di trovano in uno stato di semi evacuazione.
Il momento di maggiore recrudescenza è avvenuto proprio in corrispondenza della Pasqua e della Pasquetta 2019:  una serie di esplosioni si è verificata domenica 21 aprile in alcuni alberghi a Colombo: Shangri-La Hotel , Kingsbury Hotel, Cinnamon Grand Hotel.

Esplosioni anche in tre diverse chiese: Saint Anthony nella capitale, una a Katuwapitiya (Negombo) ed una a Batticaloa. Successivamente si sono verificate esplosioni nelle località periferiche di Colombo  Dehiwala e Dematagoda.
Operazioni di polizia sono tuttora in corso in diverse zone della città. Si raccomanda di evitare le aree interessate e di seguire le indicazioni delle autorità locali.
Un coprifuoco notturno è stato imposto nella capitale Colombo dalle 20.00 alle 4.00 del mattino, ora locale.
L’aeroporto internazionale di Colombo risulta aperto ma si registrano ritardi e disagi. Si raccomanda di verificare con il proprio Tour Operator/Compagnia Aerea  l’operatività dei voli. A chi è in partenza dallo Sri Lanka le Autorità locali raccomandano di recarsi in aeroporto con 4 ore di anticipo per effettuare i controlli di sicurezza.
In caso di emergenza contattare l’Ambasciata d’Italia allo 0094777488688.