Stagione 2015/2016 del San Carlo Si parte con “Carmen” e Mehta

56

E’ affidata alla bacchetta di Zubi Mehta l’inaugurazione della Stazione lirica del Teatro di San Carlo a Napoli 2015-2016; il 13 dicembre prossimo, con “Carmen” di Georges Bizet il maestro 79enne torna al Massimo partenopeo per la seconda volta con un’opera, mentre il 12 settembre prossimo, con le sinfonie 4 e 6 di Cajkovskij avrà già aperto quella sinfonica. Il programma del teatro lirico più antico d’Europa si snoda lungo 14 mesi con 22 titoli di opera e balletto e 23 concerti, da settembre 2015 a novembre 2016 per un programma di 150 alzate di sipario, con quattro nuove produzione, tra cui appunto “Carmen”, con firma alla regia Daniele Finzi Pasca, e tre coproduzioni. C’è spazio anche per un omaggio a Giovanni Paisiello, di cui ricorrono i 200 anni dalla morte, con una “Zenopia in Palmira”, nuovo allestimento e rilettura dagli originali autografi, in scena al teatrino di corte di Palazzo Reale. E pure per le celebrazioni dei 300 anni della nascita del primo sovrano di Casa Borbone, Carlo, il re cui si deve l’edificazione in tempi record, appena otto mesi, del piu’ antico tempio della lirica nel mondo, celebre per la sua acustica. Sarà “Achille in Sciro” di Domenico Sarro , l’autore della prima opera andata in scena al San Carlo il 4 novembre 1733, in una forma di concerto a festeggiare il sovrano illuminato che diede vita al Regno delle due Sicilie. Tra i titoli del fitto cartellone “Falstaff” di Giuseppe Verdi, a marzo 2016, con una ripresa della regia di Luca Ronconi di Marina Bianchi, con Nelli Santi sul podio; “Norma” di Vincenzo Bellini, in un nuovo allestimento firmato da Lorenzo Amato, protagonista Mariella Devia; “Le nozze di Figaro” di Wolfgang Amadeus Mozart a settembre, per la regia di Chiara Muri. Tra le “bacchette” impegnate, Fabio Luisi, Daniel Oren, Pinchas Zukerman. Ritorno per la coreana Han-Na Chang. Tra le novita’, Oedipus Rex di Stravinskij, opera oratorio in due atti su testo di Jean Cocteau, con la voce recitante di Toni Servillo.