Startup, il premio Imsa alla pisana Relief. Il progetto: un dispositivo mininvasivo per curare l’incontinenza

57
Il team di Relief, spinoff dell’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa

Relief, spinoff dell’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, vince l’Italian master startup award (Imsa) 2021. Destinato alle startup nate in ambito accademico che hanno evidenziato le migliori performance sul mercato, Imsa premia quest’anno una realtà che sviluppa e produce dispositivi biomedicali innovativi per l’incontinenza urinaria – una disfunzione che colpisce circa 500 milioni di persone nel mondo, di cui 3 milioni solo in Italia – e che ha ideato un dispositivo endouretrale mininvasivo per pazienti affetti da incontinenza grave. Il nome dei vincitori è stato annunciato oggi, 23 settembre, al Polo Tecnologico di San Giovanni a Teduccio, a Napoli. La 15esima edizione del Premio promosso da PniCube, è stata organizzata dall’Università degli Studi Federico II di Napoli, con il supporto della fiera itinerante sulle innovazioni Innovation Village e dell’European Council for Small Business (Ecsb), il maggiore circuito associazionistico europeo sull’imprenditorialità. 13 le finaliste in lizza per aggiudicarsi i 5mila euro in premio e la sottoscrizione e l’accesso a tutti i contenuti per un anno dell’Ecsb. “L’edizione 2021 dell’Imsa ha premiato uno dei settori tecnologici più significativi della ricerca italiana, il biomedicale”, ha commentato Alessandro Grandi, presidente di PniCube. “Ci piace pensare che anche grazie al nostro piccolo contributo imprese come questa potranno crescere e diventare un domani gruppi consolidati in grado di migliorare la qualità di vita delle persone attraverso la ricerca prodotta dalle nostre università”, ha continuato.