Startup innovative, Campania prima regione del Sud: 623 imprese (7,4% del totale nazionale)

27

La Lombardia si conferma la regione in cui e’ localizzato il maggior numero di startup innovative: 1.959, pari al 23,3% del totale nazionale (quasi una su 4). Seguono l’Emilia Romagna con 862 (10,3%), il Lazio con 825 (9,8%), il Veneto con 758 (9%) e la Campania, prima regione del Mezzogiorno con 623 (7,4%). In coda alla classifica figurano la Basilicata con 73, il Molise con 41 e la Valle d’Aosta con 17 startup innovative. E’ quanto rileva la 14esima edizione del rapporto trimestrale sui trend demografici e le performance economiche delle startup innovative italiane, a cura del ministero dello Sviluppo economico e di InfoCamere, in collaborazione con UnionCamere. La regione con la piu’ elevata incidenza di startup innovative in rapporto al totale delle societa’ di capitali e’ il Trentino-Alto Adige (1,17%). Seguono le Marche con 0,91%, la Valle d’Aosta con 0,81%, il Friuli Venezia-Giulia con 0,80%, e l’EmiliaRomagna con 0,76%. Chiudono la Toscana, con 0,36%, e il Lazio, con 0,30%. Milano e’ la provincia in cui e’ localizzato il numero piu’ elevato di startup innovative: a fine 2017 tale numero si assesta a 1.370 (16,3% del totale nazionale). Seguono Roma con 716 (8,5%), Torino con 318 (3,8%) e Napoli con 285 (3,4%). Tutte le altre province che figurano tra le prime dieci, nell’ordine Bologna, Padova, Bari, Trento, Modena e Salerno, superano abbondantemente le 100 unita’. Se si considera il numero di startup innovative in rapporto al numero di societa’ di capitali attive nella provincia, Trieste si mantiene al primo posto, ma viene raggiunta in vetta da Trento: in entrambe le province vi sono 152 startup ogni 10mila societa’ di capitali. Seguono due province marchigiane: Ascoli Piceno, con 148, e Ancona con 111. Al quinto posto c’e’ una new entry, Rovigo (109).