Startupper, a Napoli la penultima tappa degli Hackathon di Next

25

Nella sede della ex-base Nato di Bagnoli (Napoli), già ferita dall’incendio che divampò il 4 marzo del 2013, si è tenuta la penultima tappa degli Hackathon Prepararsi al Futuro idee sostenibili verso Firenze, dedicati alla partecipazione al bando startupper che chiuderà a marzo in occasione del Festival Nazionale dell’Economia Civile. Al Festival parteciperanno oltre 80 testimoni e relatori nazionali ed internazionali; si articolerà in 15 panel nei quali si discuterà di economia, innovazione, lavoro, sviluppo sostenibile, finanza e in 2 sessioni interattive dedicate a start-up, giovani innovatori e imprese. Un Hackathon dedicato proprio alla riqualificazione urbana, che ha visto la partecipazione di studenti della Federico II, di Acli Giovani Napoli e Riscatto Urbano, già protagonisti di numerose azioni di ‘remake’ cittadino. Tra i tutor anche la Cooperativa Lazzarelle, che agisce sul territorio all’interno del carcere femminile di Pozzuoli, producendo caffé. “La Cooperativa Lazzarelle, che impiega le detenute della struttura di Pozzuoli, ha preso parte alla tappa napoletana del Festival Nazionale dell’Economia Civile. La giornata – dichiara Paola Pizzo di Lazzarelle – è stata interessante e stimolante. Sono emerse diverse idee e proposte riferite sia al territorio che ad ambiti multidisciplinari (sostenibilità ambientale, rigenerazione urbana, turismo, innovazione sociale e tecnologica)”.
“E’ stata una bellissima giornata di confronto e di crescita per i ragazzi, ma anche per noi. Un’occasione per i ragazzi -dice Francesco Abbamonte, del direttivo di Riscatto Urbano – di uscire dall’università e immergersi nel contesto locale. La contaminazione e la multidisciplinarietà rappresentano le chiavi per il rilancio dei nostri territori, ma soprattutto è l’unico modo per essere innovativi. Dobbiamo insegnare ai ragazzi a stare con la testa nel mondo e i piedi a terra”. “L’Hackathon di Next, con circa 50 studenti che hanno lavorato con grande impegno per tutta la giornata, ha portato alla stesura delle loro idee innovative. Siamo molto soddisfatti e ci auguriamo di ripetere presto questa iniziativa”, commentano Renato Briganti, Direttore del Corso di Alta Formazione in Finanza Etica – partner ‘di casa’ per la parte formativa e Angelo Ranieri, dottorando Demi dell’Università Federico II.
Il Festival, ideato da Federcasse, progettato e organizzato con Next-Nuova Economia per Tutti e SEC-Scuola di Economia Civile, vuole promuovere un’economia che mette al centro l’uomo, il bene comune, la sostenibilità e l’inclusione sociale. Che crede nel lavoro e nel valore delle imprese. Un’economia che considera il profitto come mezzo e non come fine, che vuole offrire soluzioni concrete al problema occupazionale. Che vuole ridurre le disuguaglianze e contribuire a far crescere una Italia migliore, ricca di culture, paesaggi, arti e mestieri. Nella quale l’innovazione si sposa con la tradizione. Un’Italia aperta al mondo.