Statali, tutti gli aumenti in busta

45

(AdnKronos) – Aumenti da 63 a 117 euro sullo stipendio base, ma non solo. È quanto prevede il nuovo contratto degli statali, per il triennio 2016-2018, firmato nella notte. Un accordo che pone fine a un blocco durato otto anni e che arriva al termine di una trattativa lunghissima.

L’intesa prevede una forbice di aumenti sullo stipendio base dai 63 ai 117 euro mensili lordi a regime, salvaguardando in ogni caso il bonus di 80 auro. A questo aumento va inoltre aggiunto un assegno per dieci mensilità tra i 21 e i 25 euro per le retribuzioni più basse mentre alcune amministrazioni potranno erogare un bonus supplementare .

Il contratto conferma le 36 ore per l’orario di lavoro e introduce una certa flessibilità di orario che risponde alle esigenze dei lavoratori, accrescendo allo stesso tempo la qualità dei servizi.

“Un risultato storico. Un contratto che da più diritti e archivia la legge Brunetta”, dice la segretaria generale della Fp Cgil, Serena Sorrentino. Quanto ai tempi, fa sapere la Sorrentino, “questo contratto avrà vigenza 2016/2018, scelta questa che ci consente di avvicinare il prossimo rinnovo contrattuale, così da aumentare gli effetti di incremento sui salari. Per questa ragione gli aumenti contrattuali a partire dagli 85 euro medi mensili andranno a consolidare il trattamento fondamentale”.