Stoccolma: agroalimentare campano
23 aziende incontrano 200 buyers

64

Grande successo a Stoccolma per le eccellenze agroalimentari della Campania che per la prima volta sono state presentate in Svezia nell’ambito della manifestazione promossa dalla Direzione Grande successo a Stoccolma per le eccellenze agroalimentari della Campania che per la prima volta sono state presentate in Svezia nell’ambito della manifestazione promossa dalla Direzione Generale per lo Sviluppo Economico e le Attività Produttive della Regione Campania (Progetto “Potenziamento della promozione del Made in Campania” – POR FESR Campania 2007/2013 – Obiettivo Operativo 2.6), con la collaborazione dell’Ambasciata d’Italia a Stoccolma, dell’ICE (Istituto per il Commercio Estero), e dell’ Accademia di Cucina Italiana. Nell’ambito de “Le eccellenze campane a Stoccolma” le 23 aziende espositrici hanno incontrato oltre 200 buyers che hanno dimostrato interesse per i prodotti artigianali made in Campania. All’evento hanno partecipato le associazioni di sommelier di Stoccolma, la scuola alberghiera e di ristorazione, la stampa estera specializzata ed opinion leaders. “Abbiamo scelto di internazionalizzare le nostre aziende nell’ambito di un progetto che le fa conoscere in ogni angolo del mondo” – ha dichiarato Fulvio Martusciello, consigliere delegato del presidente della Regione Campania Stefano Caldoro – “abbiamo scelto Stoccolma perché è un mercato di grande interesse, in Svezia i nostri operatori hanno avuto la possibilità di incontrare oltre 200 buyers, tutti contatti che andranno a potenziare le aziende del territorio campano attente alla qualità agroalimentare”. “Dal 2013 ad oggi si sono svolti oltre 55 eventi e sono state coinvolte quasi 1000 imprese favorendo oltre 5000 contatti” – ha precisato Francesco P. Iannuzzi, Direttore generale allo sviluppo economico e attività produttive – “Eccellenze campane è un format consolidato e apprezzato dalle aziende dell’agroalimentare che con grande interesse hanno scelto di partecipare all’appuntamento di Stoccolma per esplorare un nuovo mercato molto interessato ai nostri prodotti di qualità. L’iniziativa rientra nel piano di promozione del made in Campania, un progetto che ha per obiettivo la valorizzazione dei nostri prodotti di eccellenza nei diversi settori e punta dritto per l’export e l’internazionalizzazione per favorire nuovi business”. Il programma dell’evento “Le eccellenze campane a Stoccolma” ha previsto incontri B2B nel salone degli Specchi del Grand Hotel Stoccolma. A dare inizio alla kermesse il taglio del nastro affidato all’ Ambasciatore d’Italia a Stoccolma, S.E. Elena Basile che ha dichiarato “Sono particolarmente contenta di ospitare questo evento perché c’e’ bisogno di educare il popolo svedese alla dieta mediterranea. In una società di massa, caratterizzata da un’economia globalizzata, la difesa del prodotto autentico è fondamentale. Bisogna, dunque, spiegare agli svedesi come riconoscere un prodotto genuino da uno falso, per tutelare la salute e il gusto.” I protagonisti sono stati i prodotti della Campania, regione tra le più rappresentative della Dieta Mediterranea (patrimonio dell’UNESCO dal 2010). Anche la cucina nordica si ispira ai prodotti agroalimentari della Campania, prendendo spunto dalle prove scientifiche che dimostrano come la tradizionale dieta mediterranea sia associata ad un ridotto rischio di malattie cardiache, demenza, cancro, garantendo una vita più lunga. Degli studi scientifici se ne è discusso in Svezia durante il seminario “The mediterranean diet and health traditional mediterranean diet a model for the new nordic nutrition Recommendations”. Al tavolo dei lavori la Prof.ssa Mai-Lis Hellénius – Dipartimento di Medicina del Karolinska University Hospital, e il Prof. Paolo Parini, Dipartimento del laboratorio di Medicina del Karolinska University Hospital. Le eccellenze campane poi si sono trasferite presso la sede dell’Ambasciata d’Italia a Stoccolma, dove buyers e istituzioni svedesi hanno degustato un finger food a cura dello chef campano stellato Peppe Aversa, che ha proposto degli assaggi all’insegna dell’originalità e dell’unicità dei nostri sapori, ma proponendo anche dei piatti dove i prodotti campani e quelli svedesi si incontrano.