Stop agli incendi boschivi: è made in Naples il primo simulatore 3D

37

Sarà inaugurato il 14 settembre nel Centro di formazione nazionale del Corpo Forestale dello Stato di Castel Volturno (Caserta) il primo simulatore virtuale 3D per il contrasto agli incendi boschivi. Lo strumento, presentato in un convegno a Expo, servirà ad affinare e migliorare l’addestramento di tutti coloro che operano nel settore antincendio, dagli agenti della Forestale ai dipendenti degli enti locali interessati. “La piattaforma Ffas (Forest Fire Area Simulator) – spiega il direttore della Divisione Protezione Civile e Pubblico Soccorso, Daniela Piccoliimpiega scenari di simulazione 3D che riproducono fedelmente aree boschive aggredite dal fuoco in un ambiente di realtà virtuale interattiva, secondo i principi impiegati nei cosiddetti ‘serious games’: non un semplice videogioco, ma una “palestra” vera e propria di 300 metri quadrati, dove gli operatori, attraverso i loro avatar virtuali, potranno “immergersi” in uno scenario di incendio a 180 gradi, comunicare con la centrale operativa, richiedere e utilizzare mezzi aerei e terrestri come autobotti e canadair“. Il simulatore è stato realizzato con i fondi europei del Pon – Obiettivo convergenza 2007-2015 e con la collaborazione scientifica del Dipartimento di Agraria dell’università di Napoli “Federico II”. “La scelta di collocarlo a Castel Volturno – ha evidenziato Piccoli – servirà a rafforzare la presenza dello Stato in un territorio a forte richiesta di legalità e di riqualificazione sociale“.