Sud, Lepore: Il dinamismo c’è ma non basta, servono politiche industriali forti

71
in foto Amedeo Lepore

Ha parlato di un “quadro confortante” e sottolineato il “forte dinamismo” delle industria meridionali del settore Farmaceutico e delle cosiddette 4 A (Alimentare, Aeronautico, Automotive, Abbigliamento-Moda). Eppure l’assessore alle Attività produttive della Regione Campania, Amedeo Lepore, intervenuto stamattina a Napoli alla presentazione della ricerca del Srm (Centro studi collegato al Gruppo Intesa Sanpaolo) sul manifatturiero di punta del Sud, ha evidenziato come, a fronte di un innegabile dinamismo del tessuto produttivo meridionale, “siano ancora scarsi gli investimenti innovativi rispetto al montante italiano”. E, guardando alle recenti politiche per il Mezzogiorno, ha aggiunto: “In questi anni si è realizzata una trasformazione delle politiche del Mezzogiorno, che sono state politiche ordinarie e non speciali. Sono state inserite nelle politiche industriali per tutto il Paese. Ma se c’e’ il divario, e se c’e’ la necessita’ di recuperarlo, l’intensita’ di queste politiche deve essere piu’ forte nel Mezzogiorno. Dobbiamo guardare – ha concluso – alla necessita’ di intensificare gli investimenti industriali perche’ altrimenti la struttura produttiva del Mezzogiorno e’ condannata a restare esigua nella sua dotazione e non competitiva con il Nord”.