Sud, Svimez: Con fondi possibile nel 2016 un +0,8% del Pil

46

Secondo stime realizzate con il modello econometrico Svimez, se nel 2016 si spendessero per intero per il Sud le risorse liberate dalla clausola per gli investimenti dello 0,3% del Pil, pari, con i cofinanziamenti, a 7 miliardi di euro, l’impatto sul Pil del Mezzogiorno sarebbe del +0,8%, cosa che porterebbe a un raddoppio del Pil del Mezzogiorno, da un dato tendenzialmente stimato dalla Svimez del +0,7% al +1,5%, molto vicino al +1,6% previsto per il Centro-Nord. Questo per ribadire, come sostiene da anni la Svimez, la necessità di investimenti pubblici soprattutto al Sud per il rilancio della crescita, rispetto alle politiche di austerità”. È quanto ha affermato il Direttore della Svimez Riccardo Padovani intervenendo oggi a Roma alla presentazione del Rapporto “La finanza territoriale in Italia. Abbandono del patto di stabilità, investimenti pubblici e razionalizzazione della spesa” realizzato dagli Istituti regionali di ricerca socioeconomica Ires Piemonte, Irpet Toscana, Srm Napoli, Éupolis Lombardia, Ipres Puglia e Liguria Ricerche.