Sviluppo, l’appello di Vito Grassi alle forze vive della città: Al lavoro per trattenere qui le menti migliori

72

“Ho ribadito la volontà mia e dell’associazione che presiedo, in linea con quanto anticipato all’atto dell’insediamento, di lanciare un appello alle forze vive della città, associative e istituzionali, sull’esempio del lavoro che sta portando avanti per Napoli il rettore Gaetano Manfredi con la Federico II come grande hub dell’innovazione e delle imprese di qualità”. Lo scrive su Facebook Vito Grassi, presidente degli Industriali di Napoli e amministratore unico di Graded, rilanciando i temi dell’intervista rilasciata ieri al Mattino: “In città regna l’anarchia e manca autorità? Lamentarsi di ciò che non funziona e cercare capri espiatori non porta da nessuna parte – spiega il numero uno di Palazzo Partanna -. E’ il momento di rimboccarsi tutti le maniche. Napoli è un luogo dove gli imprenditori hanno grandi idee e le portano a compimento quasi sempre”.
In cantiere c’è un progetto “per trattenere qui le menti migliori, per offrire futuro e sviluppo. Un progetto da condividere con Università, amministrazione comunale e regionale, associazioni territoriali e chiunque abbia a cuore la competitività del nostro territorio”. Infine, sul rettore Manfredi: “Ha di sicuro, come diffusamente riconosciuto, tutte le carte in regola per interpretare il ruolo di un’ “autorità morale” che possa fungere da punto di riferimento, da faro, da guida. Ma sia chiaro: non si parla di politica. Non si confondano i ruoli. La nostra è una prospettiva progettuale, un’offerta a tutti coloro che hanno la volontà di apprezzare la ricchezza del nostro territorio ed essere invogliati a restare per valorizzarla”, conclude Grassi.