Sviluppo sostenibile, da oggi a Napoli primo Festival italiano

63

Al via oggi il primo Festival italiano dello sviluppo sostenibile per parlare di sviluppo sostenibile, dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e di quello che si può fare per realizzare i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile che il nostro Paese si è impegnato a raggiungere. Si comincia dall’Obiettivo 10: ridurre le disuguaglianze di tutti i tipi, all’interno e tra le Nazioni. Si tratta di uno degli obiettivi più importanti e trasversali dell’Agenda 2030 dell’ONU per lo sviluppo sostenibile. Oggi, a Napoli, l’evento inaugurale. Al centro della discussione le disuguaglianze, con dei focus specifici su: lavoro, salute, educazione e imprenditorialità. Annunciata la partecipazione, tra gli altri, dei ministri Claudio De Vincenti, Dario Franceschini, Maurizio Martina, Giuliano Poletti, del segretario generale della CGIL Susanna Camusso, del sindaco di Napoli Luigi de Magistris, del presidente di Save the Children Claudio Tesauro e del Direttore Generale del World Food Programme Italia Tiziana dell’Orto. Pierluigi Stefanini e Enrico Giovannini, rispettivamente presidente e portavoce dell’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS), introdurranno i lavori coordinati da Dario Laruffa e Bruno Manfellotto. E’ possibile seguire in diretta streaming – sul sito www.festivalsvilupposostenibile.it – la giornata articolata in quattro sessioni: educazione e cultura, sviluppo e imprenditoria, alimentazione e salute, lavoro e welfare. E’ possibile partecipare sui social usando gli hashtag #festivalsvilupposostenibile e #ASviS. Il Festival si svolge da oggi al 7 giugno, in tutta Italia. Oltre ai 160 eventi organizzati sul tutto il territorio dai suoi aderenti.