Svizzera, viaggio nel fumetto italiano

60
in foto disegno di Alessandro Tota, fumettista

Viaggio nel fumetto italiano in Svizzera. E’ infatti in programma il 15 marzo alle 18.15 all’ Università di Zurigo un incontro con il fumettista Alessandro Tota, che ripercorrerà la storia del fumetto italiano seguendo le tracce di tre famiglie di artisti. Innanzitutto i Visionari, ossia gli autori che hanno creato immagini fantastiche, sovvertito l’ordine delle cose, rappresentato le emozioni allontanandosi dal realismo. Poi i Narratori, primo fra tutti Hugo Pratt, creatore della via italiana al romanzo a fumetti. Infine, gli Iconoclasti, i contestatori come Andrea Pazienza e il gruppo di Frigidaire, che lavorando fuori dagli schemi hanno modificato l’idea stessa di cosa sia un autore di fumetti in Italia. L’incontro è il primo di un ciclo di tre conferenze dedicate al fumetto in tutti i suoi aspetti. Tota farà infatti poi tappa il giorno seguente a Lucerna (al MaiHof, Weggismattstrasse 9). L’appuntamento è sato organizzato dall’ Università di Zurigo, Romanisches Seminar in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Zurigo, DA di Zurigo e di Lucerna.
Nato a Bari nel 1982, Alessandro Tota è un autore di fumetti e libri per bambini e vive e lavora a Parigi. Tra i fondatori della rivista Canicola, è autore di diversi romanzi grafici tra cui Terre d’accueil (2010), Fratelli (2011) e Palacinche, realizzato con Caterina Sansone (2012). Dal 2013 è anche autore di libri per l’infanzia e ha pubblicato su numerose riviste come Lo Straniero, Il Corriere del Mezzogiorno, Kultur & Gespenster, Internazionale, RepubblicaXL e Corriere della Sera. Nel 2011 è stata pubblicata la ZeroGuida di Napoli da lui illustrata. Insegna fumetto a Parigi e ha tenuto workshop alla Scuola Holden, all’Accademia di Belle Arti di Bologna e al Louvre. Ha esposto presso numerose mostre di fumetto in Italia, Francia, Germania e Finlandia.