Synlab in campo per il salvataggio del Gruppo Igea

23

Synlab, leader europeo nei servizi di diagnostica medica, ha presentato un’offerta per l’acquisizione entro la fine del 2021 del Gruppo Igea, centro diagnostico ad alta specializzazione convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale, volta a metterne in sicurezza l’attività.
Gruppo Igea  , realtà di grande rilievo della sanità campana, si trova sotto gestione commissariale dal dicembre 2020, a seguito delle interdittive antimafia emesse dalla Prefettura di Napoli alla luce delle vicende giudiziarie che interessano il socio di riferimento e della conseguente revoca delle autorizzazioni per l’attività del Gruppo in regime di convenzionamento con il Servizio Sanitario Nazionale. La continuità operativa e l’occupazione delle circa 100 risorse impiegate dal Gruppo, tra dipendenti diretti e indotto, è stata finora assicurata dalla gestione commissariale, che, tuttavia, come previsto sin dal decreto di nomina dei commissari, cesserà il 31 dicembre 2021.
L’offerta presentata da Synlab permette di salvaguardare tale continuità – altrimenti impossibile, stanti le interdittive e la necessaria temporaneità della gestione commissariale – oltre il termine del mandato dei commissari. L’offerta presentata da Synlab rappresenta inoltre il necessario presupposto perché sia possibile creare le condizioni economiche e gestionali per il mantenimento degli attuali livelli occupazionali del Gruppo altrimenti destinati ad una sicura cessazione per il termine dell’attività del Gruppo Igea.
Perché l’operazione possa essere perfezionata entro la fine del 2021, sarà necessario il verificarsi di due condizioni principali: entro il termine ultimo del 19 novembre i creditori dovranno manifestare in modo formale ed irrevocabile l’adesione alla proposta di stralcio loro formulata – sulla base della provvista assicurata dall’Offerta di Synlab – dagli advisors del Gruppo Igea alla luce dell’importante situazione debitoria del Gruppo; inoltre, gli enti amministrativi competenti dovranno emettere i provvedimenti necessari affinché possa realizzarsi il trasferimento delle autorizzazioni per l’attività in regime di convenzionamento senza soluzione di continuità rispetto alla gestione corrente.
Synlab, realtà medica d’eccellenza riconosciuta a livello internazionale, con oltre 24000 dipendenti in 36 nazioni, quotata sulla borsa di Francoforte, vanta una presenza consolidata nel territorio campano grazie all’ IRCCS SDN, fondato a Napoli 40 anni fa e oggi operante attraverso otto sedi nelle province di Napoli e Salerno. Grazie alle competenze diversificate di oltre 350 medici e collaboratori, l’Istituto SDN offre servizi di laboratorio, diagnostica per immagini, medicina nucleare e visite mediche specialistiche. L’integrazione di Gruppo Igea nel network internazionale di Synlab garantirà massima trasparenza operativa e potenzierà ulteriormente l’eccellenza dei servizi sanitari offerti alla popolazione campana con grande beneficio dell’ampio bacino di utenza sul quale insistono le strutture.
Il Gruppo Igea, che serve un bacino di utenza di vasta estensione demografica per circa un milione di potenziali pazienti, argina l’attuale migrazione di pazienti dalla Campania verso strutture di Lazio, Lombardia, Molise, Veneto. In questa area non operano strutture con pari qualitativa offerta di servizi sanitari in centri pubblici o privati accreditati, né insiste nei pressi alcuna delle otto sedi Synlab in Campania.
Fabio Tedeschi, amministratore delegato di IRCCS SDN, ha commentato: “Riteniamo fondamentale assicurare la sopravvivenza di un polo sanitario che da anni offre prestazioni sanitarie avanzate a un vasto bacino d’utenza, esteso oltre la provincia di Napoli e comprendente tutta la regione Campania. Abbiamo fiducia che le autorità locali, il ceto bancario, i fornitori, gli addetti ed i creditori tutti colgano l’urgenza e l’importanza di garantire la continuità operativa di Gruppo Igea e che si giunga al perfezionamento dell’accordo entro fine anno, così da garantire un flusso di attività ottimale fin da gennaio 2022”.