Tagli agli stipendi della politica a sostegno delle fasce più deboli. Comincia il sindaco under 40 di Frattamaggiore

46

Con un atto sottoposto al voto della giunta e approvato nei giorni scorsi, Marco Antonio Del Prete, 36enne Sindaco di Frattamaggiore, comune alle porte di Napoli, ha deciso di rinunciare al 50% della propria indennità da primo cittadino destinandola al fondo di contrasto alla povertà da lui stesso voluto per tentare di regalare un Natale più sereno alle famiglie disagiate del territorio frattese, attraverso azioni mirate. Giuseppe D’AnnaCome ho più volte affermato -ha spiegato il Sindaco – faccio politica per passione, non per tornaconti personali e di guadagno. Da subito– ha aggiunto Del Prete – ho rinunciato all’auto blu e mi auguro che anche altri seguano il mio esempio indipendentemente dall’appartenenza politica”. Il provvedimento, che ha valenza retroattiva al mese di settembre, è stato subito condiviso da altri esponenti della giunta comunale e alcuni assessori hanno già dichiarato che rinunceranno allo stipendio del mese di dicembre. A tal proposito, pieno sostegno all’operato del primo cittadino è stato espresso dall’assessore al commercio, Giuseppe D’Anna, anche egli under 40, che ha così commentato la scelta del primo cittadino:Giuseppina LanzaroQuando, da assessore tecnico, ho deciso di seguire il sindaco, Marco Antonio Del Prete, nel tentativo di migliorare la città di Frattamaggiore, già sapevo che avrei imparato molte più cose di quelle che avrei potuto insegnare. Umiltà, sacrificio e passione, questa è la lezione di oggi.”. A fargli eco, l’assessore con delega alla legalità, associazionismo e volontariato, Giuseppina Lanzaro: “Tutti i cittadini, indipendentemente dal tenore economico in cui si trovano, vogliono vedere amministratori appassionati e competenti, che si dedicano al miglioramento delle condizioni di vita di chi ha di meno. Noi, nel nostro piccolo, cerchiamo di offrire il massimo contributo, sia professionale che materiale”.