Tajani alla convention Alis: Riforme, giustizia, fisco e burocrazia le tre priorità del Paese

54
in foto Antonio Tajani, coordinatore nazionale di Forza Italia

“Sul PNRR il tema centrale è utilizzare bene i soldi dell’Europa. Il Recovery Plan per l’Italia può diventare un modello di sviluppo piuttosto che un investimento una tantum”. Ad affermarlo è Antonio Tajani, coordinatore nazionale di Forza Italia, tra gli ospiti della tavola rotonda “Un anno di emergenza: trasporto e logistica motore della ripresa” moderata dal giornalista Nicola Porro, nella seconda giornata della Convention Alis a Sorrento. “Riforma della giustizia, riforma fiscale e riforma della burocrazia sono le priorità per il nostro Paese. Solo così possiamo attrarre investimenti – dice-. Si deve passare dal blocco dei licenziamenti alle politiche attive per il lavoro e alla riforma degli ammortizzatori sociali”.
“La politica del rigore – aggiunge Tajani – non deve tornare. Si può pensare, dopo la pandemia, a frenare la crescita del debito. Poi si potrà pensare a ridurlo. E per fare questo dobbiamo avere più peso a Bruxelles e con Draghi possiamo farlo”.
“La lotta al cambiamento climatico e la sostenibilità ambientale in settori come logistica e trasporti – aggiunge – non possono essere problema delle imprese ma devono essere supportate da misure di sostegno adeguate. Dobbiamo pensare di collegare le reti di trasporto transeuropee con quelle transafricane – conclude – e in questo ambito il Sud può assumere un ruolo strategico”.