Talenti nel nome di Falconio

53

Si ripete anche quest’anno, e precisamente mercoledì 10 giugno, la magia della musica nuova, quella appena creata da giovanissime mani: la manifestazione conclusiva della quarta edizione del Premio Antonio Falconio. Nella Sala Scarlatti del Conservatorio San Pietro a Majella alle 18 in punto, tre giovani studenti di composizione ovvero Fabio Micera, Maurizio Tessitore e Monica Scibelli, saranno “esaminati” da un Giuria di esperti e addetti ai lavori. I ragazzi, studenti dell’ultimo anno di composizione, si esibiranno in un concerto eseguendo un brano per tre strumenti e voce, assolutamente inedito e da loro creato sui versi di una poesia di Garcia Lorca, “Se le mie mani potessero sfogliare”. È questa la sfida della Borsa di Studio che ben nove Club Rotary e due Inner Wheel, il Napoli Castel dell’Ovo e il Napoli Ovest, trascinati dall’entusiasmo del Club capofila, il Napoli Castel Sant’Elmo presieduto da Giancarlo Nocera, da quattro anni, propongono al Maestro Elsa Evangelista, direttore dell’Istituto di musica. L’iniziativa permette così non solo di ricordare il compianto Falconio, rotariano convinto, studioso e già direttore centrale del Banco di Napoli, da pochi mesi insediato alla presidenza del Conservatorio quando una crudele malattia ha annullato i suoi progetti, ma anche di permettere a giovani talenti di potersi esprimere.